Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca Brescia

Bimba di 4 anni muore per la puntura di una zanzara: le analisi confermano, è malaria

"Primo caso di malaria da trent'anni". Dopo un periodo di vacanza sulla riviera veneta la piccola ha iniziato ad accusare dei malori, è stata ricoverata prima all'ospedale di Trento poi la corsa disperata a Brescia dove purtroppo sono risultate inutili le terapie del reparto di Rianimazione pediatrica

Una bimba trentina di 4 anni è morta nella notte tra domenica e lunedì all'ospedale Civile di Brescia, uccisa dalla forma più aggressiva di malaria. La vittima è Sofia Zago e dal primo ricovero, all'ospedale di Trento, fino al decesso, nelle sale del nosocomio bresciano, sono passate poco più di 24 ore.

Il Governo invia gli esperti, la Lega non aspetta: "Migranti portano malattie" 

Medici ed esperti cercano una possibile spiegazione. La famiglia, come riporta Brescia Today, nelle scorse settimane non si era recata all'estero o in Paesi a rischio, ma erano stati in vacanza a Bibione, sulla riviera veneta. Mal di testa, febbre alta, difficoltà a rimanere sveglia e comunicare: da lunedì la bambina aveva la febbre alta, con picchi fino a 40 gradi. Quando è arrivata in ospedale a Trento era cosciente e poi successivamente trasferita a Brescia. Non solo per la Rianimazione Pediatrica all'avanguardia, ma anche per il reparto di ricerca clinica ed epidemiologica nel settore della medicina tropicale. Ma poco dopo la situazione è precipitata e Sofia è entrata in coma.

La bambina sarebbe morta per un rigonfiamento cerebrale, che ha compresso il tronco provocando il blocco della respirazione. Come detto si tratta della forma più aggressiva di malaria, quella dovuta al parassita Plasmodium Falciparum, che ha il “potere” di rendere appiccicosi i globuli rossi, bloccandone o rallentandone il regolare flusso nel sangue.

La magistratura ha già aperto un'inchiesta, per capire come (e dove) la piccola possa essere stata contagiata. Le zanzare infette da malaria (la Zanzara anopheles) non vivono infatti in Italia. Ma in qualche modo l'infezione in Italia ci deve essere arrivata. Non si esclude che addirittura un insetto possa essere stato trasportato all'insaputa di qualche viaggiatore.

"È la prima volta in trent'anni di carriera che assisto ad un caso di malaria autoctona in Trentino", ha detto perplesso  Claudio Paternoster, primario di malattie infettive all'ospedale Santa Chiara di Trento. "Con i servizi di veterinaria e igiene pubblica faremo un'indagine - ha detto lo specialista - Per la nostra conoscenza non esistono in Trentino e in Italia vettori idonei alla trasmissione della malaria".

Nel frattempo l'Apss ha  disposto in via precauzionale la disinfestazione del reparto  di Pediatria dell'Ospedale S. Chiara. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimba di 4 anni muore per la puntura di una zanzara: le analisi confermano, è malaria

Today è in caricamento