rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024

La recensione

Marianna Ciarlante

Giornalista

Di4ri 2: un "Heartstopper" in versione italiana che fa bene a ragazzi e adulti

Su Netflix è tornata Di4ri, la prima serie italiana pre-adolescenziale della piattaforma di streaming, che racconta la storia di un gruppo di ragazzi delle scuole medie alle prese con i primi amori, le prime delusioni, bullismo, crisi esistenziali, problemi familiari e molto altro ancora. Dopo una prima stagione abbastanza deludente che, forse, doveva ancora trovare la sua identità, il secondo capitolo di Di4ri fa un passo avanti e ci dimostra che, andando più a fondo e prendendosi più tempo per capire in che direzione si desidera andare in un racconto, i risultati possono essere decisamente più convincenti. 

Di4ri 2, con questa veste rinnovata, più autentica, più in linea con la propria personalità, stupisce e regala al pubblico una storia leggera ma allo stesso tempo educativa, romantica ma anche "seria" e utile per far sentire meno soli e inadeguati tutti i ragazzi che, come i protagonisti della serie, si trovano nel bel mezzo di un attacco di panico, di un dubbio sentimentale, di un vortice emotivo che non riescono a gestire o di un attacco di bullismo da cui non sanno come uscire. In questo, Di4ri 2, sembra aver preso ad esempio una delle serie per ragazzi più riuscite di Netflix negli ultimi anni, Heartstopper, il teen drama Lgbt tratto dalla graphic novel di Alice Oseman che è riuscito a raccontare con garbo ed estrema efficacia, l'adolescenza e i suoi drammi a ragazzi ma anche agli stessi adulti. 

Allo stesso modo Di4ri con questi nuovi episodi riesce a parlare ai giovanissimi ma diventa anche un modo per far entrare gli adulti un po' di più nel mondo dei ragazzi, dare loro una prospettiva nuova che gli permetta di capire che spesso, dietro i disagi dei propri figli, c'è una mancanza genitoriale. Pur essendo una serie di qualità inferiore rispetto al titolo Netflix da cui sembra prendere ispirazione, Di4ri si migliora con questa seconda stagione, appasiona di più e dà ai personaggi più spazio per esprimersi ed evolvere, sia in positivo che in negativo. Così, questa serie, diventa un racconto di formazione profondo nella sua leggerezza, concreto nel suo romanticismo e utile nel suo essere un prodotto di intrattenimento.

E pur raccontando il diagio giovanile, Di4ri ci regala anche una via d'uscita dai problemi, permette agli spettatori, piccoli o grandi che siano, di capire che, alla fine, la soluzione di qualsiasi dramma, anche quelli più insormontabili, è più facile e a portata di mano di quanto non si pensi: basta avere un bel gruppo di amici, veri, uniti, sempre pronti a darsi una mano a vicenda, una famiglia presente e non avere mai paura di non farcela. 

Voto: 7

Si parla di

Di4ri 2: un "Heartstopper" in versione italiana che fa bene a ragazzi e adulti

Today è in caricamento