rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Vip

Raccolta fondi per Giorgia, Al Bano contro Lucarelli: "Cerca di essere meno Selvaggia". Lei replica

Il cantante è stato citato in un post della giornalista in merito al caso della ragazzina gravemente malata e portata dalla madre Elisa Barone in America per le cure. All'accusa di essere disinformata, Lucarelli ha risposto con un nuovo commento social

Selvaggia Lucarelli ha portato all'attenzione il caso di Elisa Barone, mamma leccese di Giorgia, una ragazzina di 15 anni affetta da una rarissima malattia e in cura al Children Hospital di Pittsburgh. Per starle vicina durante le cure, da otto anni la donna vive in America insieme al figlio oggi 18enne. In questo periodo la signora Barone ha avviato una raccolta fondi in favore delle costose cure per la figlia e nel 2013 ha fondato la Onlus Stellina di Berdon, associazione con cui - si legge sulla pagina Facebook di riferimento - "cercherò di raccogliere tutte le info mondiali su questi casi, cercherò di seguire la ricerca sulle staminali che al momento è molto lontana dalle applicazioni sull'uomo (si parla di circa 10 anni ancora), raccoglierò i casi ancora viventi al mondo, e sopratutto organizzerò eventi per raccogliere fondi. Ovviamente, dovendo raccogliere cifre al quanto grosse per garantirci un trasferimento in America di circa 4 anni, Giorgia sarà il caso da dover fronteggiare con priorità per l'associazione". 

Selvaggia Lucarelli ha chiesto alla signora Barone e ai famigliari che ricoprono il ruolo di presidenti della Onlus una maggiore trasparenza sulle rendicontazioni e i bilanci della raccolta fondi di questi anni: "Ad oggi, non è mai stata pubblicata alcuna rendicontazione, nessun bilancio, nessun dettaglio delle spese sostenute. Anzi, le poche spiegazioni sulla eventuale destinazione dei soldi sono state spesso contraddittorie, lacunose o fuorvianti" ha scritto in un post Facebook la giornalista citando anche personaggi noti come Al Bano e Checco Zalone che hanno sostenuto la sua causa. 

Al Bano contro Selvaggia Lucarelli

Ed è a questo punto che è intervenuto direttamente Al Bano, intervistato dal Corriere di Bari per commentare la vicenda e le parole di Selvaggia Lucarelli. "Non sono d'accordo. Il nome (Selvaggia) dice già tutto. Chi è lei per chiedere? Questo è un caso tragico, ci vuole un po’ di sano e umano silenzio. Non di selvaggio silenzio", ha affermato il cantante a proposito della richiesta di trasparenza più volte avanzata dalla giornalista. Al Bano ha raccontato di conoscere personalmente Giorgia e la sua famiglia e di seguire la sua storia da una decina d'anni: "Non parlo per sentito dire. È  un miracolo che sia ancora viva. Come si fa a non aiutare e a restare impassibili di fronte al grido di una mamma?". Quanto alla mamma, Elisa Barone: "Sopravvive, in totale dedizione alla figlia, che è in croce. Tenta di lenirne le sofferenze, tragiche sofferenze", ha aggiunto. Confermando di essere stato testimonial per il caso di Giorgia e di avere anche organizzato uno spettacolo per lei ("È un dovere aiutare chi sta male. Siamo definiti umanità. Non disumanità") ha infine lanciato un messaggio a Selvaggia Lucarelli. 

"Cara Selvaggia, cerca di essere meno Selvaggia e informati bene prima di partire all'attacco" ha dichiarato: "Perché io so come sta messa Giorgia e so quanto costano le cure ospedaliere e i medici negli Stati Uniti. Ne ho avuto la prova con una zia di Romina che si curava in America. Oltre alla disgrazia, anche la beffa? Il tuo è giornalismo di speculazione, non di informazione. Su questa storia ci metto la mano sul fuoco come un novello Muzio Scevola. Solo che io la mano non me la brucio". E infine, certo che i personaggi noti avrebbero il dovere di aiutare: "Prego Selvaggia di versare un suo contributo alla causa di Giorgia", ha concluso.

La replica di Selvaggia Lucarelli

Il messaggio di Al Bano per Selvaggia Lucarelli ha trovato pronta risposta in un post riferito poprio alle sue affermazioni. "Vorrei dire ad Albano e al Corriere di Bari che invitare a fare donazioni rilasciando affermazioni false sui motivi dell'eventuale beneficenza è molto grave", ha esordito la giornalista, sottolineando quella che ritiene "una totale falsità e cioè che si debba donare perchè le cure in America costano tanto. Peccato che la Asl di Lecce copra tutte le spese sanitarie, tanto che ad oggi per le cure di Giorgia in America  ha tirato fuori circa 10 milioni di euro".  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccolta fondi per Giorgia, Al Bano contro Lucarelli: "Cerca di essere meno Selvaggia". Lei replica

Today è in caricamento