rotate-mobile
Lunedì, 30 Gennaio 2023
Mondo Ucraina

L'Ucraina assicura: abbiamo forniture d'armi per tutto il 2023

Zelensky negli Usa per chiedere a Biden "armi, armi e ancora armi", finora Washington ha fornito già 20 miliardi di assistenza. Ma Putin mostra sicurezza: correggeremo gli errori e non baderemo a spese per fornire ai soldati quello di cui hanno bisogno per vincere

L'Ucraina è pronta ad affrontare un altro anno di guerra se sarà necessario e grazie alle forniture di diverse nazioni occidentali avrà tutte le armi necessarie per continuare a combattere. Lo ha assicurato il ministro della Difesa di Kiev, Oleksii Reznikov, spiegando di aver firmato numerosi contratti con diversi Paesi. "L'industria militare statunitense sta già funzionando", e al momento "gli ordini sono già stati effettuati, e non solo negli Stati Uniti, ma anche in Germania, Francia, Slovacchia, Repubblica Ceca, Romania e altre nazioni".

Gli aggiornamenti dal conflitto in diretta

Proprio oggi, nel 301esimo giorno del conflitto, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si è recato negli Usa per incontrare Joe Biden, parlare al Congresso e cercare "armi, armi e ancora armi" nel suo primo viaggio all'estero a 300 giorni dall'invasione del suo Paese da parte della Russia di Vladimir Putin. Zelenskiy ha dichiarato che la visita mira a rafforzare la "resistenza e le capacità di difesa" dell'Ucraina in seguito ai ripetuti attacchi russi alle forniture di energia e acqua nel cuore dell'inverno. Il presidente statunitense Biden ha annunciato quasi 2 miliardi di dollari di ulteriore assistenza militare per Kiev, che includerà una batteria di missili Patriot per aiutarla a difendersi dalle raffiche di missili russi.

La Francia anche ha fornito lanciarazzi e sistemi di difesa aerea e ha annunciato che consegnerà altre armi all'inizio del prossimo anno. Il presidente Emmanuel Macron, ha detto che, tra i vari armamenti, Parigi metterà a disposizione altre unità di artiglieria mobile Caesar. Il ministro della Difesa francese, Sebastien Lecornu, ha spiegato che Parigi ha già fornito 18 obici Caesar e 550 milioni di euro di aiuti militari, rendendo il Paese il quinto maggior sostenitore. Il primo restano naturalmente gli Stati Uniti con l'amministrazione Biden che ha fornito circa 20 miliardi di dollari di assistenza militare, tra cui munizioni per artiglieria, munizioni per i sistemi di difesa aerea Nasams e per i sistemi missilistici di artiglieria ad alta mobilità (Himars).

In risposta a questi annunci Putin ha ostentato sicurezza durante il suo intervento alla riunione di fine anno dei principali capi della Difesa, affermando che le forze russe stanno combattendo come eroi, sarebbero state equipaggiate con nuove armi moderne, senza badare a spese, e avrebbero raggiunto tutti gli obiettivi di Mosca. Il leader del Cremlino ha detto che non ci sono limiti finanziari a ciò che il governo fornirà in termini di attrezzature e hardware, ma che l'esercito deve imparare e risolvere i problemi incontrati in Ucraina. "Non abbiamo restrizioni sui finanziamenti. Il Paese e il governo stanno fornendo tutto ciò che l'esercito chiede", ha dichiarato. Il presidente ha dato il suo appoggio al piano del suo ministro della Difesa per aumentare le dimensioni delle forze armate di oltre il 30%, fino a raggiungere 1,5 milioni di effettivi.

Putin ha anche fatto riferimento ad altri problemi non specificati nell'esercito e ha detto che le critiche costruttive dovrebbero essere ascoltate. "Chiedo al Ministero della Difesa di essere attento a tutte le iniziative civili, anche tenendo conto delle critiche e rispondendo correttamente, in modo tempestivo", ha detto. "È chiaro che la reazione di chi vede dei problemi - e ce ne sono sempre in un lavoro così importante e complesso - può essere emotiva, ma dobbiamo ascoltare chi non tace i problemi esistenti, ma si sforza di contribuire alla loro soluzione", ha affermato. Il missile balistico intercontinentale russo Sarmat - soprannominato "Satana II" e in grado di sferrare attacchi nucleari contro gli Stati Uniti - sarà pronto per il dispiegamento nel prossimo futuro, ha anche garantito Putin.

Putin ha dichiarato di non avere rimpianti per il lancio di quella che definisce una "operazione militare speciale" per "denazificare" l'Ucraina, sostenendo che la Russia non aveva altra scelta se non quella di opporsi alle potenze occidentali. L'ultima volta che Mosca ha reso pubbliche le sue perdite è stato il 21 settembre, affermando che erano stati uccisi 5.937 soldati. Questo numero è di gran lunga inferiore alle stime internazionali. Il 9 novembre, un alto generale degli Stati Uniti ha stimato che più di 100mila soldati sono stati uccisi o feriti da entrambe le parti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Ucraina assicura: abbiamo forniture d'armi per tutto il 2023

Today è in caricamento