Mercoledì, 25 Novembre 2020
Italia

Italia Viva vota con le opposizioni, M5s: "Vero problema gli irresponsabili già imbarcati"

Pd: "Renziani minano esecutivo". La crisi di governo è al suo giorno più lungo: in attesa dell'annuncio che Renzi ha promesso per questa sera in tv, Italia Viva ha posto un altro serio sgambetto all'alleanza con Pd, M5s e Leu

Matteo Renzi in Senato durante le comunicazioni del premier Giuseppe Conte in vista del Consiglio europeo, Roma 19 Febbraio 2020. ANSA/GIUSEPPE LAMI

La crisi di governo è al suo giorno più lungo: in attesa dell'annuncio che Renzi ha promesso per questa sera in tv, Italia Viva ha posto un altro serio sgambetto all'alleanza con Pd, M5s e Leu. Dal Movimento 5 stelle crescono le tensioni verso i renziani.

"Cosa si aspetta dalle parole di Renzi?" Il senatore Matteo Mantero a Today.it risponde: "Che per una volta pensi al paese prima che a se stesso?!".

All'Adnkronos il senatore del M5S Mario Michele Giarrusso, a proposito delle fibrillazioni interne alla maggioranza di governo giallorossa se la cava con una battuta. Cosa ne penso se 'imbarchiamo' i responsabili? "Il problema sono gli irresponsabili già imbarcati...".

Ma l'ennesimo atto del duello tra Renzi e Conte va in scena nelle sale del Parlamento. Il tema è sempre quello della giustizia

Alla Camera Italia Viva vota con l'opposizione

In Commissione Giustizia alla Camera un emendamento "salva Bonafede" presentato dal Movimento 5 stelle è stato approvato solo grazie al voto della presidente Francesca Businarolo (m5s): Italia Viva aveva infatti votato con le opposizioni contro l'emendamento soppressivo del disegno di legge Costa, ddl che a sua volta sospende la riforma Bonafede sulla prescrizione. Esattamente il motivo di scontro tra Renzi e Conte su cui si è inceppato il governo giallorosso.

Che cos'è la prescrizione e perché se ne parla

Il ddl firmato dal forzista Enrico Costa va così in Aula con il parere contrario della Commissione e l'assemblea di Montecitorio lo esaminerà dopo il ddl intercettazioni.

Al Senato Italia Viva vota con la maggioranza

Ma la giornata politica è tutt'altro che parca di emozioni anche a Palazzo Madama. Proprio sul ddl intercettazioni un nuovo emendamento presentato dal relatore Michele Giarrusso (M5s) - riguardante l'ampliamento dei termini di consultazione dei testi delle intercettazioni da parte dei legali, anche se non rilevanti ai fini delle indagini - ha raccolto il consenso della maggioranza, compresa Italia Viva.

La Lega ha deciso di occupare per protesta l'aula della commissione Giustizia al Senato, commisione dove si stanno votando gli emendamenti al testo che modifica le norme sulle intercettazioni.

''La maggioranza vuole un Grande Fratello per registrare le telefonate alla ricerca di un reato qualsiasi. Una scelta folle, a rischio incostituzionalità e già bocciata dalle Sezioni Unite. Se Italia Viva ha dignità, stacchi la spina'' affermano i senatori leghisti Simone Pillon ed Emanuele Pellegrini.

monti renzi seanto-2

Il senatore a vita Mario Monti ascolta l'intervento di Matteo Renzi in Senato. FOTO ANSA/GIUSEPPE LAMI

Di ennesima provocazione nei confronti del governo parla il vicecapogruppo del Pd alla Camera dei Deputati, Michele Bordo. "Questa guerriglia quotidiana di Renzi è diventata ormai insopportabile perché mina alla base la tenuta del Governo".

"Una cosa è certa: in questo modo è davvero complicato andare avanti. Italia Viva chiarisca subito la sua posizione perché non è possibile stare contemporaneamente all'opposizione e al Governo. Per quanto ci riguarda, non saremo disponibili a tollerare ancora per molto questa situazione.

"Renzi - conclude la nota di Bordo - si assuma le responsabilità di fronte al Paese se ha deciso di favorire il ritorno di Salvini e della destra".

Cerno: "Renzi ha una maggioranza"

Di un governo alla fine dei suoi giorni parla il neo parlamentare di Italia Viva Tommaso Cerno che intervenendo in radio spiega: "Il governo arriva a Pasqua? Con fatica, all'estate è già più complicato. C'è una maggioranza in cui Renzi ha 18 voti necessari al Senato".

"Un governo ridicolo, un governo di cialtroni". Tommaso Cerno si esprime così a Un giorno da pecora il senatore che 24 ore fa ha lasciato il Pd. "Ho annunciato che passo a Forza Italia Viva... Sono stato eletto nel Pd e sono rimasto nel Pd fino a quando non è arrivato Zingaretti, con Franceschini e Bettini. E non ho più capito da dove si cominciava... Sono arrivati da un po' ma gli effetti si vedono adesso".

"Alle 20 ieri ero da Renzi a Palazzo Giustiniani e ho detto che sarei passato a Italia Viva per distinguermi sul tema della prescrizione. Non sono d'accordo con un paese in cui ci sono governi a vita col proporzionale e processi a vita. I governi e i processi devono durare per un tempo ragionevole", spiega ancora. "Ho chiamato Renzi per dire 'voglio venire con te'? Devo dire che ha chiamato più lui. Mi ha chiamato 2-3 volte al giorno prima di partire per il Pakistan", dice riferendosi al dialogo con Renzi.

Intanto ieri sera Cerno era nella trattoria di Trastevere Renzi ha riunito i suoi.  "Erano 50, divisi in vari tavoli. Renzi è stato praticamente sempre in piedi. Sembrava lo spogliatoio di uno stadio..." racconta Titti Mambrini -titolare del ristorante 'Da Teo' a Trastevere- a Un giorno da pecora.

italia viva trattoria-2

Italia Viva in trattoria, foto da Twitter @CatelloVitiell1

"C'era molta allegria, c'erano cori da stadio. Se la sono presa con una squadra di calcio... Durante la foto di gruppo hanno cominciato a cantare 'Juve m...'... Juve merda? Bravo... Chi aizzava era un po' Giachetti, saltellavano tutti insieme... "

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Italia Viva vota con le opposizioni, M5s: "Vero problema gli irresponsabili già imbarcati"

Today è in caricamento