rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Differenze di genere

Più ricoveri e decessi Covid: perché gli uomini sono più colpiti delle donne

Perché in assenza di fattori di rischio pregressi sono i maschi a rischiare di più. Le risposte della scienza

Un rischio maggiore di finire in terapia intensiva e una mortalità più elevata. Perché gli uomini sono più colpiti e muoiono di più a causa del Covid-19 rispetto alle donne? Una prima risposta scientifica arriva da uno studio pubblicato sulla rivista Communications Medicine, edita da Nature, e condotto dalla Icahn School of Medicine at Mount Sinai a New York. L'indagine si è basata sull'analisi di due gruppi di pazienti ricoverati in ospedali di New York in tutto il 2020, rispettivamente di 4.930 e 1.645 persone. In assenza di fattori di rischio pregressi, è emerso che sono i maschi a rischiare di più, con una mortalità più elevata e il rischio di finire in terapia intensiva più alto rispetto alle pazienti di sesso femminile. Inoltre, un uomo su quattro va incontro a ipossia (deficit di ossigeno nel corpo), rispetto a una donna su cinque.

Covid: perché gli uomini sono più colpiti delle donne

La questione delle "differenze di genere" riscontrate durante la pandemia è stata studiata anche dall'Istituto superiore di sanità. Secondo i dati raccolti dall'Iss, nella risposta al Covid ci sono differenze sostanziali tra uomini e donne non solo nella mortalità (ad oggi in Italia il 57% dei decessi a causa del virus riguarda i maschi), ma anche nell'insorgenza della malattia, nelle sue manifestazioni cliniche e nelle risposte ai trattamenti sanitari. Per spiegare perché il Covid per gli uomini è più pericoloso, l'Iss ha stilato una serie di ipotesi-ragioni, che vanno dal maggior rischio cardiovascolare per gli uomini alla loro maggiore tendenza al tabagismo, fino alla questione ormonale.

Anche fattori genetici e ormonali avrebbero il loro peso. Elevati livelli di estrogeni stimolano il sistema immunitario, mentre gli androgeni lo sopprimono. Le donne quindi sono per natura più resistenti alle infezioni e anche al virus Sars-CoV-2. L'Istituto superiore di sanità spiega perché: il Covid penetra nelle cellule legandosi a un recettore chiamato Ace2, un enzima che regola la vasocostrizione delle arterie e che si trova sulle cellule dell'epitelio polmonare per proteggere il polmone da infezioni, infiammazioni e stress. Nelle donne in età fertile, gli estrogeni sono in grado di aumentare la presenza del recettore Ace2 facendo in modo che "questo enzima, anche dopo l'infezione, riesca a svolgere la sua funzione di protezione, in particolare nei confronti dei polmoni".

Al contrario, gli ormoni androgeni sembra che svolgano "un ruolo opposto nell'influenzare l'espressione di enzimi cellulari coinvolti nelle fasi che seguono l'attacco del virus al recettore", finendo per "favorire" l'infezione delle cellule polmonari. L'Iss conclude la sua analisi spiegando che nel tempo sarà importante effettuare studi specifici, anche retrospettivamente, "per valutare il ruolo degli ormoni sessuali nelle differenze di genere riscontrate durante questa pandemia".

Le risposte della scienza includono anche altri fattori di rischio che spiegherebbero le differenze di genere. Il fumo, ad esempio, è uno dei fattori di rischio per sviluppare un quadro clinico più grave della malattia e gli uomini sono più portati a fumare delle donne. Il Covid- 19 provoca una grave infiammazione nell'apparato respiratorio e i tabagisti hanno uno stato infiammatorio cronico polmonare, alla base delle diverse malattie che li colpiscono.

Ma gli uomini, dicono gli esperti, sono anche meno attenti all'igiene personale. Le donne sono più portate a dedicare una parte della propria quotidianità nella cura del proprio aspetto e nella pulizia. E anche questo influisce sul rischio di ammalarsi. In generale, le cellule del sistema immunitario esposte a virus, batteri, parassiti, allergeni, rispondono in modo diverso nei due sessi. Secondo le evidenze scientifiche, le donne hanno una risposta immunitaria più pronta degli uomini, così come un più efficace meccanismo di "fagocitosi", che consiste nell'inglobare e digerire un agente esterno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più ricoveri e decessi Covid: perché gli uomini sono più colpiti delle donne

Today è in caricamento