Coronavirus, lo studio: "Tra i primi casi fuori dalla Cina, 1 su 4 aveva viaggiato in Italia"

Lancet: "Nei primi mesi dell'epidemia, in tre quarti dei paesi colpiti al di fuori della Cina continentale, i primi casi riguardavano persone che avevano fatto un viaggio di recente, e più di 1 su 4 (27%) di questi erano legati a viaggi in Italia, in Cina (22%) o in Iran (11%)"

Ci vorranno anni per comprendere come il coronavirus Sars-Cov-2 abbia iniziato a circolare nel mondo, ma il lavoro dei ricercatori e degli scienziati è già arrivato ad alcune parziali conclusioni. Nel corso delle prime 11 settimane dell'epidemia di Covid-19, dal 31 dicembre 2019 al 10 marzo 2020, in tre quarti dei paesi colpiti al di fuori della Cina continentale, i primi casi riguardavano persone che avevano fatto un viaggio di recente, e più di 1 su 4 (27%) di questi erano legati a viaggi in Italia, in Cina (22%) o in Iran (11%). E' quanto emerge da un'analisi pubblicata su 'The Lancet Infectious Diseases". Si tratta del primo studio che ha esaminato i rapporti online disponibili al pubblico messi a punto dai ministeri della sanità e da altri siti web delle agenzie governative, quelli diffusi sui social media e i comunicati stampa con i bollettini quotidiani dei casi di Covid-19 tra il 31 dicembre 2019 e il 10 marzo 2020, cioè durante la fase pre-pandemica, corrispondente alle prime 11 settimane dell'epidemia).

Ebbene, in questo periodo sono stati identificati 32.459 casi in 99 paesi e località al di fuori della Cina continentale. I viaggi in Italia sono stati collegati alla metà (3 su 6 casi) dei primi casi segnalati in Africa e a oltre un terzo (16 su 45 pari al 36%) in Europa e nelle Americhe (5 su 13 pari al 38%).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non è tutto: i viaggi verso la Cina continentale hanno rappresentato l'83% (10 su 12) dei primi casi segnalati nel Pacifico occidentale e oltre la metà (57%, 4 su 7) nel sud-est asiatico. Sette (44%) casi segnalati per la prima volta nella regione del Mediterraneo orientale avevano una storia di viaggi in Iran. "I nostri risultati suggeriscono che i viaggi in alcuni, pochi, paesi con una sostanziale trasmissione di Sars-CoV-2 potrebbe aver causato ulteriori focolai in tutto il mondo prima della dichiarazione pandemia l'11 marzo 2020", secondo Fatimah Dawood dei Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) americani co-autrice della ricerca.

Coronavirus, lo studio su Science: "Ecco perché la scuola può ripartire subito"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 26 settembre 2020

  • La prima giornata di Garko 'libero' è con Eva Grimaldi e Imma Battaglia (VIDEO)

  • Gabriele Rossi scrive a Garko dopo il coming out. L'applauso dei vip, da Grimaldi a Monte

  • Gabriel Garko rompe il silenzio dopo il coming out: "Camminerò con le mie gambe, ma non sui tacchi"

  • Chi è Tommaso Zorzi e perché è famoso: tutto sull'influencer, dall'amore alla carriera

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di martedì 22 settembre 2020: numeri e quote

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento