Vaccino anti Covid: la guerra senza regole tra Usa, Russia e Cina preoccupa gli scienziati

Il Cremlino vuole iniziare la vaccinazione di massa contro il Covid-19 già a novembre e anche dalla Fda statunitense fanno sapere di voler anticipare i tempi. Ma diversi scienziati sottolineano i rischi cui verrà esposta la popolazione se si dovesse "saltare" la fase 3 

Polemica nella comunità medico-scientifica per le parole di Stephen Hahn, commissario della Food and Drug Administration (Fda) americana che in un'intervista al quotidiano inglese Financial Times ha ipotizzato un via libera al vaccino anti Covid-19 anche prima della conclusione della fase III, l'ultimo step della sperimentazione clinica rigorosa alla quale devono essere sottoposti i nuovi prodotti farmaceutici.

Nonostante Hahn abbia assicurato che "questa non sarà una decisione politica" bensì "una decisione scientifica, medica, basata sui dati", il timore espresso da più parti è che sull'annuncio possa avere pesato una pressione da parte del presidente Usa Donald Trump, in vista delle prossime elezioni statunitensi.

Per Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza si tratta di una "decisione sbagliata e pericolosa". "Per i vaccini - avverte Ricciardi in un tweet - va dimostrata la sicurezza ancora prima dell'efficacia. Non è possibile derogare a metodi e tempi adeguati".

Sergio Abrignani, immunologo e ordinario di Patologia generale all’Università Statale di Milano, aveva espresso le sue critiche sulle procedure altrettanto affrettate utilizzate per il vaccino russo in un’intervista rilasciata al Corriere Salute l’11 agosto. "I russi la gara l’avranno vinta, ma senza seguire le regole scientifiche perché non è possibile sapere se la vaccinazione funziona e soprattutto se ci sono effetti collaterali dal momento che la fase 3 è in genere richiede un anno e mezzo di tempo".

Il Cremlino infatti punta ad iniziare già da novembre-dicembre di quest'anno la vaccinazione di massa contro il Covid-19 dei gruppi ad alto rischio. Come riportano le agenzie di stampa locali il ministro della Sanità Mikhail Murashko ha spiegato come la Russia sia diventata il primo Paese a concedere l'approvazione normativa a un vaccino contro il nuovo coronavirus dopo meno di due mesi di test sull'uomo. Un fatto che ha spinto gli esperti internazionali a metterne in dubbio la sicurezza e l'efficacia.

"I primi vaccini inizieranno ad arrivare in piccole quantità già a settembre - spiega Mikhail Murashko citato dall'agenzia di stampa Sputnik - mentre una vaccinazione più massiccia è prevista per novembre-dicembre. Il vaccino sarà somministrato per primi agli operatori sanitari e agli insegnanti".

Se in Italia è iniziata la fase di sperimentazione del vaccino tricolore, la Cina ha registrato 4 dei 7vaccini che sono stati ammessi alla Fase 3 di sperimentazione nel mondo e le probabilità che la gara in corso tra le multinazionali di Big Pharma sia vinta da Sinopharm, il Gruppo farmaceutico nazionale di Pechino, sono molto alte. In corsa anche Sinovac, prima in grado di pubblicare già a Maggio sulla rivista Science i risultati delle sue sperimentazioni sugli animali e iniziare la sperimentazione su un campione di 600 volontari. Oggi ha stretto un accordo con il Brasile dove la fase 3 è iniziata a fine luglio con 9 mila volontari. In cambio di questa collaborazione il Brasile riceverà quanto prima 120 milioni di dosi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, ultime notizie

Intanto fa discutere il caso di un bimbo italiano di 9 anni isolato da aprile fino all'inizio di agosto perchè all'esame del tampone risulatava sempre positivo. Aveva manifestato solo un po di tosse e qualche linea di febbre per un solo giorno, ma poteva davvero infettare altre persone? Quello della carica virale sarà un tema importante da approfondire visto l'impatto sulla definizione dei tempi necessari di quarantena anche in vista della riapertura delle scuole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gf Vip, De Blanck: "Alba Parietti una stronza". Il figlio dà ragione e lei chiama in diretta

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di oggi sabato 19 settembre 2020: numeri e quote

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di oggi giovedì 17 settembre 2020: numeri e quote

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di oggi martedì 15 settembre 2020: numeri e quote

  • Cosa c'è dietro il video dell'autoscontro con i banchi a rotelle nel primo giorno di scuola

  • Coronavirus, 5 bambini positivi in 5 classi diverse: ora tutti in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento