Domenica, 9 Maggio 2021
Milano

I giovani che fanno saltare il bancomat con la "marmotta"

Arrestate tre persone ritenute responsabili del furto al bancomat del Banco BPM di Vanzaghello (Milano) avvenuto intorno alle 23.30 di ieri, utilizzando una rodatissima tecnica

Foto archivio

I carabinieri del Comando provinciale di Milano hanno arrestato tre persone ritenute responsabili del furto al bancomat del Banco BPM di Vanzaghello (Milano) avvenuto intorno alle 23.30 di ieri, utlizzando una carica esplosiva (la cosiddetta "marmotta"). Lo ha riferito l'Arma, spiegando che i tre (che hanno tra i 28 e i 36 anni) sono stati individuati in un garage di Cernusco sul Naviglio, dove avevano trovato rifugio e si stavano riorganizzando per effettuare altri colpi.

Un quarto complice è stato denunciato in stato di libertà: è stato trovato successivamente in un appartamento di Milano, utilizzato come base dalla banda. Nel corso degli accertamenti sono intervenuti gli artificieri del Nucleo investigativo per analizzare le numerose cariche esplosive e il materiale relativo all'organizzazione di altri colpi.

Cos'è la tecnica della marmotta

Il metodo d’azione della cosiddetta “marmotta” funziona così: si infila nel bancomat un congegno con dentro dell’esplosivo (un oggetto metallico con miccia e polvere da sparo) con la quale i ladri fanno saltare tutto l’apparato, arrecando così danni non solo al bancomat, ma anche ai locali retrostanti e a volte anche agli esercizi commerciali delle vicinanze. Per essere più efficace, la carica di esplosivo viene inserita nella fenditura di emissione del contante. L'assalto inizia e finisce solitamente in meno di tre minuti.

image-18-24

Marmotte in una foto d'archivio

In principio era una semplice"marmotta": un blocco di esplosivo solido che veniva appoggiato sulla fessura da cui escono le banconote e che, una volta innescata, sventrava la cassa e permetteva ai ladri di mettere le mani sul denaro. La tecnologia di sicurezza degli sportelli Atm si è evoluta ma inevitabilmente anche le tecniche dei malviventi hanno tenuto il passo. Nei video ripresi dalle telecamere di sicurezza degli sportelli si vedono spesso  infatti i malviventi infilare nella fessura una lunga spranga con fissato all’estremità un disco di esplosivo: è l’evoluzione della marmotta esplosiva che viene dunque ora collocata all’interno della cassetta blindata e poi innescata utilizzando pinze telescopiche a cui sono collegati i cavi elettrici necessari.

Vogliono far esplodere il bancomat, ma distruggono l'ufficio postale (e scappano via)

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I giovani che fanno saltare il bancomat con la "marmotta"

Today è in caricamento