rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
scuola / Brindisi

Ore 7,42: Brindisi si ferma per ricordare Melissa a un anno dall'attentato

Un anno fa la bomba piazzata da Giovanni Vantaggiato uccise la giovane Melissa Bassi e ferì nove persone. I ministri Carrozza e Bray e le altre autorità hanno deposto un fascio di fiori bianchi davanti alla stele che ricorda Melissa

BRINDISI - Un anno fa l'attentato alla scuola Morvillo Falcone di Brindisi: perse la vita Melissa Bassi e nove persone tra passanti e studenti rimasero ferite.

Questa mattina i ministri dell'Istruzione e dei Beni Culturali, Maria Chiara Carrozza e Massimo Bray, partecipano alla cerimonia di commemorazione che si svolge proprio davanti all'istituto professionale per i servizi sociali.

ORE 7.42 - Alle 7.42, il momento in cui esplose la bomba piazzata da Giovanni Vantaggiato, i ministri e le altre autorità, tra cui il vicepresidente del Senato Valeria Fedeli, hanno deposto un fascio di fiori bianchi davanti alla stele che ricorda Melissa. Il rito di commemorazione è stato officiato dall'arcivescovo di Brindisi, monsignor Domenico Caliandro. Sono presenti davanti alla scuola anche il papà di Melissa, Massimo Bassi, il nonno della studentessa, e alcuni studenti della scuola, che indossano la t-shirt "Io non ho paura".

CHIESTO L'ERGASTOLO PER VANTAGGIATO

IO NON HO PAURA - Il ministro dell'Istruzione, Maria Chiara Carrozza, ha commentato la consegna della maglietta con la scritta 'Io non ho paura': "I ragazzi non devono aver paura di andare a scuola, che penso sia la cosa più terribile che possa capitare, perché la scuola è un posto in cui si va ad imparare, per stare insieme agli altri, per entrare nella società. A me piace tantissimo questa idea - ha detto - ho voluto questa maglietta, anche perché in questi giorni molti studenti mi stanno regalando magliette, quindi ne ho tante". "Ci sono - ha spiegato - tutti i problemi della scuola italiana e anche le speranze. Noi ministri dobbiamo dimostrare di essere vicini agli studenti di tutta Italia".

BRINDISI, UN GIARDINO INTITOLATO A MELISSA

Dopo l'attentato "la scuola ha reagito cercando di stare vicino ai ragazzi con tutto il sostegno possibile - ha detto il ministro - anche di psicologi, di tutti coloro che potevano riuscire ad aiutare gli studenti a superare la tragedia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ore 7,42: Brindisi si ferma per ricordare Melissa a un anno dall'attentato

Today è in caricamento