rotate-mobile
Giovedì, 1 Giugno 2023
La condanna / Rovigo

Uccide il marito e lo fa a pezzi con un'accetta: era seguita da anni da uno psichiatra

Nadire Kurti condannata a 14 anni e sei mesi per l'omicidio di Shefki Kurti. La Corte d'assise di Rovigo ha riconosciuto un vizio parziale di mente, oltre alle attenuanti generiche

È stata condannata oggi dalla Corte d'assise di Rovigo a 14 anni e sei mesi di reclusione Nadire Kurti, 69enne cittadina albanese residente a Badia Polesine (Rovigo), per l'omicidio del marito Shefki Kurti, di 72 anni, avvenuto tra il 21 e il 22 luglio dello scorso anno. Il cadavere dell'uomo era stato ripescato, a pezzi, in diversi sacchi per l'immondizia gettati nel canale Adigetto.

La donna aveva confessato il 18 agosto successivo. Aveva spiegato di aver usato un'accetta e dei coltelli, di aver colpito il marito e poi di aver diviso il cadavere in parti perché fosse trasportabile più facilmente verso l'Adigetto, canale che a Badia si stacca dal fiume Adige per gettarsi nel Canalbianco, dopo Adria.

I ritrovamenti dei pezzi di cadavere erano cominciati il 28 luglio in una chiusa, a Villanova del Ghebbo. L'ultimo pezzo, la gamba destra, era stato trovato il 31 agosto. Rinvenute anche le armi del delitto, tre coltelli da cucina, di cui uno seghettato, e un'accetta. La procura di Rovigo, dopo l'arresto della donna avvenuto il 27 agosto scorso, aveva spiegato che le modalità efferate del crimine avevano inizialmente portato le indagini verso direzioni diverse dalla questione interna alla famiglia.

Non erano infatti stati esclusi rapporti con la criminalità organizzata. Poi è stata disposta una perizia psichiatrica sull'indagata, in virtù della quale la Corte al termine del processo ha riconosciuto un vizio parziale di mente, oltre alle attenuanti generiche. Da anni, l'imputata era seguita da uno psichiatra. 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccide il marito e lo fa a pezzi con un'accetta: era seguita da anni da uno psichiatra

Today è in caricamento