rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Il delicato intervento

Kate Middleton e l'ileostomia: cos'è, quando si fa, malattie, rischi, convalescenza

In cosa consiste l'operazione all'addome che avrebbe subito la Principessa Kate secondo le ultime indiscrezioni e quali sono i tempi di recupero, i rischi e le malattie connesse a questo intervento

Kate Middleton ha subito lo scorso gennaio 2024 un'operazione all'addome. Se finora, però, non era stato mai rivelato il tipo di intervento subito dalla Principessa Kate, attualmente scomparsa dai riflettori e al centro di un dibattito per quella strana foto insieme ai figli modificata, a oggi arrivano nuove voci che parlando di ileostomia, un particolare tipo di operazione all'intestino molto delicata, complessa e con una lunga convalescenza. A nominare l'ileostomia per la prima volta è stata la blogger americana Jessica Reed Kraus che ha svelato che, secondo tre fonti attendibili che avrebbero confermato la notizia, Kate starebbe affrontando una dura convalescenza con un'apertura nell'addome e un sacchetto collegato che accoglierebbe le sue feci in modo artificiale. Ma cos'è nello specifico un'ileostomia e in quali casi viene effetuata? Scopriamolo insieme. 

Kate Middleton ha subito un'ileostomia: le ultime indiscrezioni  

Cos'è l'ileostomia, la presunta operazione subita da Kate Middleton

L'ileostomia è un'operazione chirurgica che consiste nella deviazione dell'ileo verso un foro creato appositamente sull'addome dal quale vengono espulse le feci che finiscono in un sacchetto esterno. In questo modo, il foro creato, detto anche "stoma" va a sostituire la funzione dell'ano espellendo le feci. Questo tipo di soluzione può essere sia temporanea che permanente. Si tratta di un'operazione complessa e delicata che viene utilizzata in clauni casi specifici. 

Quando ci si sottopone a ileostomia: le malattie connesse

L'ileostomia è un'operazione che viene utilizzata in diversi casi: quando si ha a che fare con il morbo di Crohn, un colite ulcerosa, un'occlusione o lesioni intestinali oppure in caso di cancro al colon-retto. 

La durata della convalescenza dell'ileostomia

Dopo l'operazione che avviene in anestesia generale, la degenza in ospedale ha la durata dai 3 ai 10 giorni a seconda delle condizioni del paziente al quale viene spiegato come fare la manutenzione della sacca. Poi la convalescenza dura almeno 3 mesi durante i quali è sconsigliato alcun tipo di sforzo. Le consdeguenze più fastidiose durante la convalescenza sono la flatulenza, il dolore addominale e la gestione di una sacca esterna per la fuoriuscita delle feci direttamente dall'addome. 

I possibili rischi e complicazioni

I rischi legati a questa tipologia di intervento sono molteplici, dalle emorragie interne alle infezioni, da coaguli nelle vene a ictus ma anche la possibile occlusione dello stoma. 

Nonostante l'ileostomia sia un'operazione molto complessa, chi l'ha subita può avere una vita soddisfacente e socialmente attiva prestando attenzione alla dieta, agli sforzi fisici e alla corretta gestione della sacca. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Kate Middleton e l'ileostomia: cos'è, quando si fa, malattie, rischi, convalescenza

Today è in caricamento