Venerdì, 18 Giugno 2021
Un triste record / Perù

Il Paese con il più alto tasso di mortalità covid al mondo

Il Perù ha rivisto al rialzo il bilancio dei morti con coronavirus, di fatto più che raddoppiando il numero dei decessi

Imbarco a Lima di italiani bloccati dal coronavirus a bordo di un aereo in partenza per Roma, assistiti dal console Paolo Tonini (a destra) e dall'ambasciatore Giancarlo Curcio, Lima, Perù, 27 giugno 2020. ANSA/Maurizio Salvi

È un triste record quello del Perù: al momento è il Paese con il più alto tasso di mortalità covid al mondo. Il governo locale ha rivisto al rialzo il bilancio dei morti con coronavirus. E stando ai numeri aggiornati, il Perù ha più che raddoppiato il numero dei decessi covid, passato da 69.342 a 180.764 vittime. Nel dettaglio, con il ricalcolo dei dati il tasso di mortalità nel Paese si attesta a 551 decessi ogni centomila abitanti. Tasso che supera di gran lunga quello registrato da Paesi come Ungheria e Repubblica Ceca, che a inizio di maggio guidavano la triste classifica mondiale, con tassi rispettivamente di 304 e 283 morti ogni centomila abitanti.

Il nuovo bilancio è stato calcolato nel periodo compreso tra marzo 2020 e marzo 2021 da un gruppo di lavoro tecnico composto da esponenti della società civile e funzionari del settore sanitario del Perù, incaricato dal governo di chiarire il reale impatto della diffusione del virus nel Paese. Per farlo sono stati utilizzati nuovi criteri per l'identificazione dei casi di contagio ed è stato messo a punto un nuovo strumento per il conteggio. Il rapporto finale "non sta dicendo che ci sono più morti di quanti ce ne fossero", ma che "un numero significativo di morti non era stato identificato finora come causato dal Covid-19", ha sottolineato il ministro della Salute peruviano, Oscar Ugarte, annunciando che in settimana è previsto l'arrivo di oltre 2,7 milioni di dosi di vaccino.

Le nuove dosi consentiranno al Paese di accelerare la campagna vaccinale anti covid. Su questo fronte, il governo peruviano ha stretto accordi con Pfizer, AstraZeneca e la cinese Sinopharm. Da mesi il Perù sta facendo i conti con la realtà dell'emergenza sanitaria, e ha avuto a che fare con la carenza di ossigeno e di posti letto nelle terapie intensive degli ospedali prima dell'India e del Brasile.

Alberto Zangrillo: "In Italia ci siamo fatti male da soli, abbiamo contato i morti in modo diverso". Ma è vero? 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Paese con il più alto tasso di mortalità covid al mondo

Today è in caricamento