rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Mondo Francia

Dopo Nizza, una nuova paura: "Chiunque può trasformarsi in un terrorista"

La storia dello stragista è lontana dal profilo di altri "attentatori": non è mai stato un estremista. Il governo francese: "E' la dimostrazione della difficoltà nella lotta al terrore"

PARIGI (FRANCIA) - Il ministro degli Interni francese, Bernard Cazeneuve, finora molto cauto sulle motivazioni che hanno spinto il tunisino a compiere la strage di Nizza, ha detto che l'uomo "probabilmente si è radicalizzato molto velocemente". Eppure a poche ore dalla strage il premier francese Manuel Valls aveva detto che l'attentatore di Nizza "è un terrorista, senza dubbio in un modo o nell'altro legato all'islamismo radicale". Mentre Cazeneuve non aveva voluto confermare l'esistenza di legami fra Mohamed Lahouaiej Bouhlel e l'estremismo islamico.

"UN NUOVO TERRORISMO" - Il ministro Cazeneuve ha parlato di un "nuovo tipo di attacco", che "dimostra l'estrema difficoltà della lotta contro il terrorismo". Il titolare degli Interni ha confermato che il tunisino Mohamed Lahouaiej-Bouhlel "non era noto ai servizi di intelligence": ormai "quegli individui sensibili al messaggio di Daesh si lanciano in azioni estremamente violente senza necessariamente aver partecipato a dei combattimenti, senza necessariamente essere stati addestrati".

LE MODALITA' DELLA STRAGE - Anche il modo operativo è nuovo, ha sottolineato Cazeneuve: "Non vi è stato né l'uso di armi pesanti né di esplosivi e, di conseguenza, il trauma per il modo in cui è stato compiuto questo crimine così violento ha scioccato profondamente i francesi. E allo stesso tempo dimostra l'estrema difficoltà della lotta al terrorismo".

PERCHE' HANNO SCELTO DI COLPIRE PROPRIO NIZZA

Nizza, le immagini della strage del 14 luglio

L'ISIS - Nonostante ciò, l'Isis ha comunque rivendicato l'attacco di Nizza: è stato "un soldato dello Stato islamico" a compiere la strage sul lungomare di Nizza, ha reso noto l'agenzia Amaq, affiliata all'Isis, che cita "fonti di sicurezza". Il messaggio è stato rilanciato dal gruppo Site, che monitora le attività jihadiste sul web.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo Nizza, una nuova paura: "Chiunque può trasformarsi in un terrorista"

Today è in caricamento