rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Politica

Silvio Berlusconi è decaduto

Dopo ore di discussione in Aula, il Senato ha detto "sì" alla decadenza di Silvio Berlusconi. Il leader di Forza Italia non è più senatore

ROMA - Tutto secondo i "piani". La storia da senatore di Silvio Berlusconi è finita alle 17:43 di mercoledì 27 novembre quando il Senato ha votato sì alla decadenza del Cavaliere. Nonostante i tentativi di ostruzionismo dei senatori di Forza Italia, il Senato ha impresso l'accelerata decisiva nel pomeriggio e dopo ore di tensioni e discussioni in Aula è arrivato il via libera definitiva: il leader di Forza Italia non è più senatore.  

Non approvando i nove ordini del giorno presentati contro le conclusioni della giunta per le elezioni del Senato, infatti, l'assemblea di Palazzo Madama ha decretato l'ineleggibilità del Cavaliere che perde quindi lo status di parlamentare.

A nulla è servita quindi, se non per dimostrare vicinanza al leader, la manifestazione dei fedelissimi di Forza Italia davanti Palazzo Grazioli. Dal palchetto allestito a pochi metri da casa sua, quando la decadenza non era ancora realtà, Berlusconi aveva attaccato tutti. Dalla sinistra, "oggi brindano", alla magistratura: tutto al grido di "Oggi è una giorata di lutto per la democrazia". Sempre di fronte agli irriducibili, il Cav aveva poi annunciato che "anche da non parlamentare resterò alla guida di Forza Italia"

Decadenza Berlusconi, fedelissimi in piazza (Foto Today.it)

Un ruolo da "non parlamentare" che Berlusconi "assaggerà" per la prima volta dal marzo del 1994, quando era entrato in Parlamento. Pochi mesi prima di essere eletto, il Cav aveva creato Forza Italia, con la famosa "discesa in campo", ed era entrato alla Camera per la prima volta da Presidente del Consiglio. Da allora Berlusconi era sempre stato rieletto a Montecitorio fino alle elezioni di questa primavera che lo hanno visto per la prima volta farsi eleggere al Senato. Senato che oggi lo ha congedato dal Parlamento.

Manifestazione Forza Italia, Berlusconi parla ai fedelissimi

Il compito di sostituire Berlusconi ora toccherà al primo dei non eletti nella regione Molise, dove il leader di Forza Italia ha scelto di risultare eletto.

A sedersi sullo scranno che fino ad oggi è stato di Berlusconi sarà Ulisse Di Giacomo, medico molisano, classe 1950, già stato assessore alla Sanità della Regione Molise dal novembre 2006 al giugno 2008. 

Qualche mese fa confessò: "La mia presenza in Parlamento sarebbe motivo di onore. Anche se è veramente difficile dal punto di vista psicologico sostituire Berlusconi". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Silvio Berlusconi è decaduto

Today è in caricamento