rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Batosta 5 stelle

Conte accusa Italia Viva e mette in guardia Draghi: "C’è nuova maggioranza"

Non è escluso che la sconfitta del M5s in commissione esteri al Senato sia frutto della solita faida interna fra Conte e Di Maio

L’elezione di Stefania Craxi a presidente della commissione esteri in Senato ha provocato un maremoto perché, a sentire parlare quelli del Movimento 5 Stelle, era chiaro come i patti fossero altri, anche perché lo stesso Conte si era reso disponibile a far decadere Vito Petrocelli, ma se fosse stato sostituito con un altro pentastellato. Così non è andata. Qualcosa non ha funzionato nelle urne segrete. Chi aveva garantito il sostegno ha poi indossato la casacca del franco tiratore. Così M5s ha provando prima ad avanzare il nome del senatore Gianluca Ferrara, costretto ad una marcia indietro per via delle sue posizioni in politica estera e poi quello di Ettore Licheri. Ma anche il secondo nome è stato bocciato. Si è andati comunque alla conta e Conte ha registrato la sconfitta.

Seppure ci sia chi è convinto che alcuni voti mancanti provengano proprio dal campo largo dei progressisti. Conte, dopo aver partecipato a un consiglio straordinario del M5s convocato d’urgenza, ha puntato il dito contro Italia Viva. “Registriamo che di fatto si è formata una nuova maggioranza da FdI a Iv”. Per lui dunque, un po’ come era stato con il Ddl Zan, sono stati i renziani a sfilarsi, tirando uno sgambetto a Conte, che ha visto sfumare la poltrona della presidenza di commissione affari esteri a Palazzo Madama. Conte adesso è infuriato e se è pronto a mettere la mano sul fuoco sulla lealtà di Leu e Partito democratico, al di fuori non si fida più di nessuno e parla come parlavano i senatori democratici dopo l’affossamento del ddl Zan: “E’ nata una nuova maggioranza dicevano”, lasciando intendere che Italia Viva era ormai parte di una ipotetica coalizione di centrodestra.

Ora però l’ex Premier Conte sta perdendo la pazienza e lancia un monito direttamente al Presidente del Consiglio Mario Draghi, invocando il suo ruolo di arbitro fra le forze politiche che sostengono il suo esecutivo. "Ieri avevamo avvertito il presidente del Consiglio e il governo perchè già si era capito che si stava lavorando in modo surrettizio a violare patti regole e accordi. - ha detto il presidente M5s - Quindi spetta innanzitutto al presidente del Consiglio prendere atto della responsabilità di tenere in piedi questa maggioranza”.

Vito Petrocelli: "Io e Grillo la pensiamo allo stesso modo. Di Maio la più grande delusione"

Una maggioranza che adesso rischia davvero di spaccarsi perché Conte lo ha detto chiaramente: temono che qualcuno lavori per farli fuori dal Governo, per cui “l’attuale maggioranza esiste solo sulla carta”. “Oggi ne abbiamo la conferma. - nel comunicato del consiglio nazionale dei 5 stelle - Nel Palazzo vogliono emarginare le nostre posizioni, ma non si può silenziare la voce della maggioranza degli italiani. Registriamo come ormai sia venuto meno anche il più elementare principio di leale collaborazione”.

Sono ore delicatissime queste, in cui le forze politiche lavorano per capire che cosa sia successo e per tentare di ricucire lo strappo fra Movimento 5 Stelle e il resto della maggioranza di cui, ne è convinto Conte, non potrà mai fare a meno del partito più rappresentativo del Paese. Non è da escludere però che la sconfitta politica trovi una spiegazione all’interno del Movimento 5 Stelle. Da Italia Viva sono convinti che nell’urna abbia fatto la differenza il fuoco amico dei parlamentari di Di Maio. "Gli strateghi del M5s ne hanno combinata un'altra delle loro e si sono giocati la presidenza della commissione Esteri. Il bello é che, invece di guardare ai loro scontri interni, puntano il dito contro la maggioranza e chi ne fa saldamente parte, peraltro rendendosi responsabili in prima persona di continue fibrillazioni. La verità va detta chiara e tonda: Conte non ha voluto cedere a Di Maio, sono voluti andare alla conta interna e come al solito non sapendo nulla di politica hanno perso”. L’ipotesi del sabotaggio interno è verosimile. Si annuncia una resa dei conti nella maggioranza, ma anche dentro al Movimento 5 Stelle.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conte accusa Italia Viva e mette in guardia Draghi: "C’è nuova maggioranza"

Today è in caricamento