Venerdì, 14 Maggio 2021
Il titolo

"AstraZeneca, paura in Europa": polemiche per il titolo di Repubblica

I maggiori giornali europei online e cartacei non danno praticamente risalto alla notizia in prima pagina. Francia, Germania e Regno Unito vanno avanti, mentre altri Paesi hanno sospeso le vaccinazioni con AstraZeneca (in alcune nazioni solo per un singolo lotto)

Le notizie sul ritiro del lotto AstraZeneca sono tra le più lette e dibattute delle ultime ore. E trovano ampio spazio sui giornali. La prima pagina odierna di Repubblica con il titolo a nove colonne "AstraZeneca, paura in Europa" non è piaciuta a molti. Troppo allarmistica, dice qualcuno oggi sui social. Su Twitter è il tema del momento.

"AstraZeneca, paura in Europa"

EwPEnJGWEAUKdc_-2

Oggi però tutti i maggiori giornali europei online e cartacei non danno praticamente risalto alla notizia in prima pagina. La Germania ad esempio continuerà a utilizzare il vaccino di AstraZeneca, "come la maggior parte degli altri Stati membri dell'Ue" dice il ministro della Salute tedesco, Jens Spahn al quotidiano Frankfurter Allgemeine Zeitung. "Ho investito della questione l'Agenzia nazionale per la sicurezza del farmaco. Secondo loro, non c'è motivo di sospendere la vaccinazione con AstraZeneca" ha detto il ministro della Salute francese, Olivier Véran, rispondendo a una domanda dei giornalisti durante la conferenza stampa del giovedì.

Per la Gran Bretagna il vaccino AstraZeneca è "sicuro ed efficace". Ciò non toglie che il blocco precauzionale per un lotto di vaccini anti-Covid AstraZeneca in Italia sia doveroso dopo la segnalazione di "tre eventi avversi fatali" legati, secondo le prime ipotesi, a trombosi e coaguli del sangue. Verificare se c'è una relazione di causalità è una priorità in queste ore. Le nazioni che hanno già deciso di bloccare la campagna di vaccinazione con tutti i vaccini di AstraZeneca in via precauzionale sono la Danimarca, la Norvegia, l'Islanda. Austria, Estonia, Lituania, Lussemburgo e Lettonia hanno sospeso l'uso dei vaccini provenienti da un lotto distribuito in 17 Paesi ma non in Italia. In Europa gli argomenti da prima pagina oggi sembrano altri.

Ma fare chiarezza sui decessi ora sotto la lente di ingrandimento nel nostro Paese è doveroso. Nel caso di rari eventi avversi gravi, le autorità sanitarie e di controllo effettuano sempre indagini e approfondimenti per verificare l’eventuale ruolo del vaccino.


"Un anno fa fummo accusati di "infodemia", quando raccontammo i primi morti a Codogno o quando anticipammo il primo dpcm che chiudeva il nord Italia. Allora come ora, facciamo il nostro mestiere: raccontare i fatti e spiegarli al meglio delle nostre capacità" si legge in un tweet con cui da Repubblica tornano sull'argomento.

Fonte: La Repubblica →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"AstraZeneca, paura in Europa": polemiche per il titolo di Repubblica

Today è in caricamento