rotate-mobile
Sabato, 20 Aprile 2024
Calcio

Cristano Ronaldo si è convertito all'Islam?

Dopo la rete del 3-2 che ha regalato la vittoria al suo Al-Nassr contro l'Al-Shabab, il campione lusitano ha effettuato il sujūd, l’atto di prosternazione ad Allah dei musulmani durante la preghiera

Segnare, spesso, e far parlare di sé. Cristiano Ronaldo è in Arabia Saudita, lontano da quei palcoscenici prestigiosi che ha calcato e che lo hanno consacrato come uno dei calciatori più decorato della storia del calcio, ma continua ad arrotondare il numero di reti siglate in carriera nei tornei professionistici. E, contestualmente, ad attirare l’attenzione di tifosi ed appassionati, anche semplicemente con messaggi social criptici (come il recente “Todos tus pensamientos afectan tu humor”, ovvero “Tutti i tuoi pensieri influenzano il tuo umore”, contornato da un cuore) che lasciano sempre spazio a molteplici interpretazioni. E nella ridda di voci che da sempre lo accompagnano, non mancano mai riferimenti al suo futuro: come le indiscrezioni riportate dal Mundo Deportivo secondo cui il fuoriclasse di Madeira starebbe pensando ad un ritorno in Europa, sebbene la scelta di approdare nella Saudi League sia stata accompagnata dalla dichiarazione di come, nel vecchio continente, il suo lavoro sia giunto alla conclusione, avendo vinto tutto.

Le parole ed il gol, certo, ma anche i comportamenti fanno accendere i riflettori su CR7. Dopo il gestaccio di un mese fa al termine della sfida del suo Al-Nassr contro l’Al-Hilal, a suscitare curiosità c’è il gesto che ha accompagnato la sua ultima prodezza, arrivata a pochi minuti dalla fine, la quattordicesima in quindici presenze stagionali nella Saudi Professional League. La rete del 3-2, che ha permesso al squadra dell’Al Nassr di coronare contro l’Al-Shabab la rimonta (dallo 0-2) con il sorpasso, è stata accompagnata da un’esultanza del tutto particolare, ed inedita, per il campione lusitano, che circondato dai compagni ha chiesto spazio per effettuare il sujūd, l’atto di prosternazione ad Allah che i musulmani effettuano durante la preghiera. Un gesto che sui campi di calcio è stato visto fare più volte, ma che apre anche all’eventualità di una possibile conversione per il calciatore portoghese.

L’immagine di Ronaldo con fronte e naso sull’erba e le mani all’altezza della testa ha avuto, come prevedibile, un impatto mediatico notevole. Ed ha ovviamente lasciato spazio a molteplici ipotesi: chi lo ha visto come una maniera di sgomberare il campo da ogni equivoco in merito al suo presunto malcontento per l’avventura saudita, chi ha sottolineato come il sujūd – sottolineato dagli scroscianti applausi del pubblico presente – sia stato un gesto volto ad omaggiare un Mondo che lo ha accolto come un Re facendogli anche conquistare un altro record, vale a dire quello di calciatore più pagato del pianeta. O forse, può davvero essere l’inizio di un percorso personale di conversione religiosa, cosa già accaduta in passato ad altri calciatori nel corso della loro carriera. Il mondo del calcio, a prescindere dalla spiegazione, continua comunque a ruotare intorno a CR7, esattamente come l’Al-Nassr che rischia però di veder sfumare il titolo nonostante le magie del suo fuoriclasse. A 180’ dalla fine, i punti di distanza dall’Al Ittihad sono tre, e crescono pertanto le possibilità che Ronaldo chiuda la stagione senza alzare trofei.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cristano Ronaldo si è convertito all'Islam?

Today è in caricamento