rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Covid

Mascherine in aereo, la svolta che non c'è: fino a quando saranno obbligatorie

Dal 16 maggio in Europa non saranno più obbligatorie le mascherine né quando si viaggia in aereo né quando si è negli aeroporti. Lo prevede il nuovo protocollo di sicurezza , ma in Italia lo "smascheramento" avrà altri tempi

Mentre l'Europa accelera, l'Italia attende. E attenderà almeno fino al 15 giugno. Dal prossimo lunedì, 16 maggio 2022, in Europa non saranno più obbligatorie le mascherine né quando si viaggia in aereo né quando si è negli aeroporti. Lo prevede il nuovo protocollo di sicurezza reso noto ieri dall'Aesa, l'Agenzia europea per la sicurezza aerea e dall'Ecdc, il centro europeo per il controllo delle malattie. Tuttavia in Italia lo "smascheramento" avrà altri tempi: fino al 15 giugno è in vigore l'ordinanza, firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza, che impone i dispositivi di protezione su tutti i mezzi di trasporto, dunque aerei compresi. Vale anche se si vola verso l'Italia da un Paese in cui non c'è più obbligo di mascherine sui mezzi di trasporto. 

Mascherine in aereo: come stanno le cose

Non sembrano esserci all'orizzonte via libera anticipati, si attenderà ancora un mese, fino a quando scadrà l'ordinanza. 

Dunque per chi viaggia in aereo non cambia nulla in Italia, anche se i Paesi che hanno cancellato l'obbligo di mascherine in volo sono ormai tanti: Francia, Gran Bretagna, Usa, Repubblica Ceca, Danimarca, Ungheria, Islanda, Irlanda, Norvegia, Polonia, Romania, Slovenia e Svezia. Pure la Grecia a breve abbandonerà tutte le restrizioni. 

Fine dell'obbligo in ogni caso non significa "mascherine inutili". Anzi. Tanto Ecdc quanto Aesa nelle loro linee guida pubblicate ieri definiscono le mascherine "una delle migliori difese contro la trasmissione del Covid-19". Le mascherine tra l'altro restano fortemente raccomandate per chi tossisce o starnutisce e per i "viaggiatori vulnerabili", per i quali sono consigliate le più protettive Ffp2. "Tra molti passeggeri e membri degli equipaggii c'è un forte desiderio di viaggiare senza, ma siamo solo all'inizio del processo. I viaggiatori dovrebbero continuare a rispettare le regole della loro compagnia aerea. E laddove le misure preventive fossero facoltative, prendere decisioni responsabili, rispettando le scelte degli altri passeggeri», ha detto il direttore dell'Aesa, Patrick Ky. La direttrice dell'Ecdc, Andrea Ammon, ricorda che la mascherina resta uno dei migliori strumenti di protezione. Intanto i contagi calano ancora: ieri 42.249 nuovi casi in Italia, 14 mila in meno rispetto al giorno prima.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mascherine in aereo, la svolta che non c'è: fino a quando saranno obbligatorie

Today è in caricamento