rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Il caso

Cos'è questa storia degli indennizzi per chi viene danneggiato dal vaccino Covid

A livello di giurisprudenza erano già previsti, ma ora il governo ha voluto fare un passo in più (anche per togliere ogni scusa ai no vax). Come stanno le cose

Il governo si appresta a mettere nero su bianco gli indennizzi per chi è stato danneggiato dai vaccini per il coronavirus (che tuttavia, lo vedremo in seguito, erano già previsti). Nella bozza del decreto sostegni (ter), all’articolo 19, si legge infatti che il risarcimento spetta a "coloro che abbiano riportato lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente della integrità psico-fisica, a causa della vaccinazione anti Sars-Cov-2 raccomandata dall’autorità italiana". Per il fondo sono stati stanziati 50 milioni nel 2022 e altri 100 per l'anno successivo.

Vaccino Covid e risarcimento in caso di danni: come stanno le cose

Come dicevamo però già oggi la giurisprudenza obbliga lo Stato a risarcire chi viene danneggiato dai vaccini. Anche da quelli per il Covid-19. La legge del 25 febbraio 1992, citata nello stesso decreto, stabilisce infatti che "chiunque abbia riportato, a causa di vaccinazioni obbligatorie per legge o per ordinanza di una autorità sanitaria italiana, lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente della integrità psico-fisica, ha diritto ad un indennizzo da parte dello Stato, alle condizioni e nei modi stabiliti dalla presente legge".

Ora è vero che la vaccinazione contro il Covid non è ancora obbligatoria (perlomeno per chi ha meno di 50 anni), ma questo limite nei fatti è già caduto. Il tema dell'ingiustizia dell'indennizzo per le sole vaccinazioni obbligatorie era stato sollevato qualche anno fa davanti alla Corte di Cassazione che peraltro già in più di una sentenza ha assimilato le vaccinazioni obbligatorie con le vaccinazioni raccomandate in quanto "nell'orizzonte epistemico della pratica medico-sanitaria la distanza tra raccomandazione e obbligo è assai minore di quella che separa i due concetti nei rapporti giuridici". E ciò perché in ambito medico "raccomandare e prescrivere sono azioni percepite come egualmente doverose in vista di un determinato obiettivo, cioè la tutela della salute (anche) collettiva".

Alla luce di ciò, la vaccinazione Covid, non obbligatoria, ma fortemente raccomandata, conduce dunque già oggi riconoscimento di un indennizzo in caso di conseguenze negative sulla salute.

Perché il governo ha deciso di inserire gli indennizzi nel decreto Sostegni

Ciò nonostante il governo ha voluto fare ulteriore chiarezza. Da qui la precisazione contenuta nel decreto Sostegni, il cui obiettivo è anche quello di togliere ogni scusa a chi non vuole vaccinarsi.  Il sottosegretario alla Salute Andrea Costa ha spiegato che "esisteva già una legge e un capitolo di bilancio, dopo di che si è ritenuto necessario approfondire ulteriormente, specificare con una norma ad hoc alla legge già esistente".

Il risarcimento vale  dunque "per tutti quei cittadini che si sottopongono a vaccino e, qualora venisse certificato un evento avverso grave, lo Stato risarcisce". "Credo che questo sia un buon segnale da parte del doverno, un segnale - ha rimarcato il sottosegretario - che mi auguro di tranquillità nei confronti di chi sosteneva che molti cittadini non si sono vaccinati perché mancava questo provvedimento. Ecco, oggi con l'adozione di questo provvedimento, se veramente per qualcuno questo era il motivo, mi auguro che da domani si prenoti per la vaccinazione".

Per i senatori del Pd Dario Parrini, Simona Malpezzi e Valeria Valente, in tal modo "si toglie un altro alibi all'indegno armamentario propagandistico dei novax" e "si recepisce sul piano normativo un orientamento nettamente fissato dalla Corte Costituzionale in diverse sue recenti sentenze, secondo le quali ai fini di eventuali indennizzi non è legittimo discriminare tra vaccinazioni obbligatorie e vaccinazioni raccomandate".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cos'è questa storia degli indennizzi per chi viene danneggiato dal vaccino Covid

Today è in caricamento