Martedì, 27 Ottobre 2020
Francesco Testi, 49 anni (Instagram)
Vip

Francesco Testi rompe il silenzio: "Ecco perché a Garko ha fatto comodo fingersi etero"

Dopo il coming out del collega, l'attore spiega: "A me è stato chiesto di inscenare una scazzottata". I due hanno condiviso il set di diverse fiction

Non si arrestano i pettegolezzi attorno al coming out di Gabriel Garko. Ad intervenire sul tema è oggi l'attore Francesco Testi, che con Garko ha condiviso - tra gli altri - il set di 'Baciamo le mani', serie tv di successo in onda su Canale 5. 

A Selvaggia Lucarelli che gli chiede se Gabriel sia stato costretto a fingere relazioni eterosessuali, Testi risponde senza esitazioni: "Non ho mai subito pressioni e con me non c’era bisogno di mettere in piedi delle recite, non ne avevo bisogno - dice a TPI - Forse, e dico forse, ha fatto comodo anche a Garko fingere di essere altro, perché ora siamo nel 2020 e ragioniamo da progressisti, che uno sia etero o gay non ce ne frega nulla". 

Per Testi si è trattato dunque di convenienza. "Quindici anni fa un attore bellissimo come lui, amato dalle donne, forse raccontando tutto non avrebbe avuto la stessa carriera. Forse è stata una scelta condivisa e una tutela della sua professione". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Mi è stato chiesto di inscenare una scazzottata"

Anche a lui sarebbe stato chiesto di fingere in un episodio. E precisamente in un frangente in cui avrebbe dovuto simulare gelosia nei confronti della compagna di set Adua Del Vesco. "Negli anni in cui io sono stato lì a me è stato chiesto di inscenare solo una cosa, e cioè la finta scazzotatta con Morra (Massimiliano, ndr) per gelosia, cosa di cui mi vergognavo pure". Chi l’aveva ideata? "Lucherini, che era l’ufficio stampa di Ares Film e, come risaputo, un amante del cinema di una volta, delle paparazzate, delle storie create a tavolino. Mi sono turato il naso e l’ho fatto, ma nulla di così terribile. Era un po’ una vecchia roba alla Rock Hudson".

Gabriel Garko finalmente libero ma non da certe montature

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Francesco Testi rompe il silenzio: "Ecco perché a Garko ha fatto comodo fingersi etero"
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...