rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Vip

Luca Argentero: "Lavoravo in un disco bar, tra cosa si assume e con chi trascorri le notti posso dirmi sopravvissuto"

L'attore fa un bilancio dei suoi quarant'anni e ricorda la giovinezza tra università ed eccessi

Sposato da due anni con Cristina Marino - a cui è legato dal 2015 - padre di due figli, Nina Speranza e Noè Roberto, a 45 anni Luca Argentero si definisce un "sopravvissuto", come molti dei suoi coetanei. In un'intervista al Corriere della Sera, l'attore fa un bilancio della sua vita e ripercorre alcuni momenti della sua giovinezza, quando lavorava per pagarsi le tasse all'università.

Lo ricorda come fosse ieri: "Lavoravo in un bar discoteca e facevo le sei del mattino praticamente sei giorni su sette. Ora non mi metterei qui a spiegare minuziosamente che cosa si assume o con chi si trascorrono le notti, però possiamo dire che sono stato un giovane come tanti altri, purtroppo. Oggi che sono marito, padre di due figli e (credo) un uomo responsabile - continua - sono convinto che tanti che arrivano a quarant'anni possano dirsi dei sopravvissuti. Tra amori facili, sigarette e alcol, ci si sfascia quasi senza accorgersene. Io ho persino smesso di fumare". Nel 2003 arriva il Grande Fratello: "Sono passati tanti anni. Lo feci per soldi - spiega - Calcolai che se avessi vinto la cifra in palio avrei potuto riposarmi un poco e decidere che cosa fare del mio futuro, visto che ero appena laureato". 

Poi il successo lo travolse e oggi - che ha scritto un libro, 'Disdici tutti i miei impegni' - ha voglia di rallentare: "Ho scritto il libro perché mi piacerebbe lavorare intensamente ancora per qualche anno, guadagnare abbastanza per vivere bene e far vivere bene la mia famiglia e poi vorrei andare in pensione a 55 anni. Viaggiare con mia moglie, riposarmi, leggere e scrivere libri e sceneggiature. Ogni tanto, poi, fare un film che mi piace ma solo per il gusto di farlo. Non ha senso andare in pensione tardi". Il tempo la sua più grande ossessione: "Sono ossessionato dal tempo. Dal tempo che passa, perché davvero sento di diventare vecchio, non scherzo. Dal tempo che non mi basta, perché io vorrei vivere tanto, tantissimo con Cristina e con i miei figli. Dal tempo che deve ancora venire, perché vorrei proteggere Nina e Noè dalle cose brutte che inevitabilmente incontreranno. Dal tempo vissuto male, perché se c'è una cosa che mi fa incazzare è chi butta via il tempo". Infine, rispetto al tempo che è passato, ammette: "Mi sento un rottame. Ho la testa ormai grigia, la pancia, le rughe".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Luca Argentero: "Lavoravo in un disco bar, tra cosa si assume e con chi trascorri le notti posso dirmi sopravvissuto"

Today è in caricamento