rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Spettacoli&Tv

Palma d'oro a Cannes per "La vie d'Adèle" di Abdellatif Kechiche

La tenera e appassionata storia d'amore tra due giovani donne ha conquistato la giuria del Festival. Delusione per l'Italia: Paolo Sorrentino e "La grande bellezza" restano a bocca asciutta

La giuria del Festival di Cannes ha premiato la tenera storia d'amore lesbo firmata dal regista franco-tunisino Abdellatif Kechiche, "La vie d'Adèle". Il film ha conquistato anche la Palma d'Oro - eccezionalmente - per le due attrici protagoniste, Léa Seydoux e Adèle Exarchopoulos.

Il premio per la miglior interpretazione femminile è andato a Berenice Bejo per "Il passato di Farhadi" mentre quello per il miglior attore è stato consegnato al veterano Bruce Dern per "Nebraska" di Alexander Payne.

Il Grand Prix è andato a "Inside Llewyn Davis" di Ethan e Joel Cohen, pellicola che racconta la scena folk newyorkese degli anni Sessanta. Sorpresa per la vittoria di Amat Escalante con il film "Heli" nella categoria  "miglior regia". Il Premio della Giuria è andato invece a "Like Father, Like Son" di Hirokazu Kore-eda. Il cinese "A Touch of Sin" di Jia Zhang-ke si porta casa il premio per la miglior sceneggiatura.

Grande delusione per l'Italia. Paolo Sorrentino torna a casa a mani vuote ("La grande bellezza" rimane escluso dai premi) e il nostro Paese conquista solo la menzione speciale per il miglior cortometraggio, andato a "37° 4 S" di Adriano Valerio. Nelle sezioni collaterali l'Italia ha avuto più soddisfazione grazie ai premi assegnati a "Salvo", la storia di amore e mafia firmata da Antonio Piazza e Fabio Grassdonia (Gran premio della Semaine della Critique e anche il premio Film Rivelazione della Semaine), e "Miele" di Valeria Golino (Menzione Speciale della Giuria Ecumenica). 

Ecco il Palmares della 66esima edizione del Festival di Cannes

Palma d'oro: LA VIE D'ADELE di Abdellatif Kechiche e, in via eccezionale, anche alle due protagoniste del film, Lèa Seydoux e Adèle Exarchopoulos
Grand Prix: INSIDE LLEWYN DAVIS di Ethan e Joel Coen
Regia: Amat ESCALANTE per il film "Heli"
Giuria: TALE PADRE, TALE FIGLIO di Hirokazu Kore-Eda 
Attore: Bruce DERN per Nebraska di Alexander Payne
Attrice: Berenice BEJO per Il Passato di Asghar Farhadi
Sceneggiatura: Jia ZANGH KE per A touch of Sin 
Palma d'oro per il miglior cortometraggio: SAFE di Byong- Gon 
Menzione speciale a 37° 4S dell'italiano Adriano Valerio e a LE FJORD DES BALEINES di Whale Valley
Camera d'or (migliore opera prima): ILO ILO di Anthony Chen

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palma d'oro a Cannes per "La vie d'Adèle" di Abdellatif Kechiche

Today è in caricamento