Venerdì, 6 Agosto 2021
Alimentazione

La dieta contro l'acne: dagli alimenti consigliati a quelli da bandire

L'acne può manifestarsi nei soggetti predisposti o durante i periodi di forte stress e non va trascurata poiché può peggiorare e lasciare segni indelebili sulla pelle. Fortunatamente questo inestetismo può essere alleviato anche con la dieta

L'acne è uno degli inestetismi più fastidiosi che, nella maggior parte dei casi, si manifesta in giovane età e può lasciare segni indelebili sulla nostra pelle. Nello specifico si tratta di un'infiammazione delle ghiandole pilosebacee che può comportare la comparsa di papule, pustole, comedoni, cisti superficiali, suppurate e, nei casi più gravi, fistolizzazioni.

Da dove ha origine

La pelle è un organo formato da più strati. Il suo strato più esterno si chiama epidermide, il derma è lo strato intermedio e contiene importanti strutture di sostegno come il collagene. Da qui nascono i peli e le ghiandole sebacee da cui ha origine l'acne. Infatti, ogni pelo ha annessa una ghiandola che produce sebo, cioè il grasso che rende elastica la pelle e che la protegge. Se questa produzione di sebo, però, risulta essere eccessiva da parte delle ghiandole seborroiche, comporterà la formazione dell'acne. Questa infiammazione è molto comune, colpisce sia donne che uomini, dall'adolescenza all'età adulta. La manifestazione del problema è ben nota, brufoli sul viso, dalla fronte alle guance, e, in alcuni casi, anche su torace, dorso e spalle.

Le cause

L'acne può manifestarsi nei soggetti predisposti in seguito a variazioni dei livelli ormonali o durante i periodi di forte stress e non va trascurata poiché può peggiorare e lasciare segni indelebili sulla pelle. Fortunatamente però, questo inestetismo può essere ridotto e alleviato con la dieta.

La dieta contro l'acne

Molti specialisti consigliano la dieta mediterranea, inoltre chi soffre di acne dovrebbe mangiare più alimenti a base vegetale e ridurre invece carne e salumi. Sono da evitare anche il latte e i suoi derivati, gli alimenti zuccherati o ricchi di grassi saturi.

Gli effetti di una dieta sbagliata per la pelle era già nota ed è stata confermata da uno studio pubblicato sulla rivista Scandinavian Journal of Public Health. L'indagine correla l'assunzione di cibi iperglicemici alla stimolazione della produzione di sebo con un aumentato rischio di acne. I più recenti studi hanno inoltre associato il consumo di latte e latticini all'insorgenza dell'acne.

Per prevenire l’acne o ridurre i sintomi gli specialisti consigliano di evitare o limitare il consumo di:

  • latte e creme come besciamella, crema pasticcera, gelati, mousse e preparazioni che prevedano l'uso di panna da cucina sia nella versione dolce che salata.
  • Formaggi.
  • Snack.

Al contrario, è consigliato consumare:

  • alimenti contenenti grassi omega-3 (salmone, noci).
  • Cibi ricchi di antiossidanti (frutta fresca).
  • Vitamina C (arance, pomodori, fragole).
  • Vitamina E (contenuta in nocciole, soia, mandorle, verdure a foglia verde, uova).
  • Vitamina A e beta-carotene (carote, peperoni, meloni, patate dolci).
  • Selenio (mandorle, aglio, cipolla, cereali integrali).
  • Magnesio (carciofi, avena, riso integrale, fichi).

Infine, bisogna bere tanta acqua e limitare il consumo di sale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La dieta contro l'acne: dagli alimenti consigliati a quelli da bandire

Today è in caricamento