Sabato, 27 Febbraio 2021

Dieta: lo stress non aiuta a perdere peso a prescindere da ciò che mangiamo

Mangiare sano e svolgere regolarmente attività fisica non basta per dimagrire se poi si conduce uno stile di vita poco equilibrato. Secondo uno studio condotto dall’Università dell’Ohio, infatti, lo stress annulla tutti i sacrifici fatti durante la dieta

Foto d'archivio

Secondo uno studio condotto dall’Università dell’Ohio, lo stress annulla tutti i sacrifici fatti durante la dieta. Ebbene sì, mangiare sano e svolgere regolarmente attività fisica non basta per dimagrire se poi si conduce uno stile di vita poco equilibrato. E non è finita qui: il benessere mentale può ripercuotersi anche su quello fisico con infiammazioni dovute proprio all'alimentazione.

Lo studio

Durante lo studio sono stati offerti ad un gruppo di donne due tipi pasti: uno ricco di grassi saturi e l’altro cucinato con grassi naturali. Il risultato emerso è che le donne libere dallo stress avevano minori livelli di infiammazione mangiando cibi sani, mentre le donne stressate avevano maggiori livelli di infiammazione, a prescindere da ciò che mangiavano.

Anche il sonno è importante. Secondo i ricercatori dell’università americana, se il nostro obiettivo è quello di perdere chili di troppo, possiamo avere maggiori possibilità di perdere peso se riduciamo i livelli di stress e dormiamo dalle sei alle otto ore a notte. 

Seconco il Dr. Charles Elder: “Alcune persone potrebbero avere bisogno di ridurre i loro programmi e andare a letto presto. Altri potrebbero scoprire che l’esercizio riduce lo stress e li aiuta a dormire. Per qualcuno, le tecniche relative al benessere psicofisico come la meditazione possono aiutare per la perdita di peso".

Insomma, durante i periodi di stress, un pasto sano è dannoso per la salute quanto un pasto fritto in base a quanto raccontano i ricercatori della University Wexner Medical Center dell’Ohio. I risultati, pubblicati sulla rivista Molecular Psychiatry, gettano nuova luce su come la nostra salute mentale colpisca il nostro benessere fisico. Questo ci mostra come il cibo che mangiamo interagisca sui nostri livelli di stress. I ricercatori sostengono infatti che mangiare quello che si vuole quando si è stressati è dannoso e rischioso per la salute perché ci porta a ingrassare di più.

Cosa accade

Quando viviamo lunghi periodi di stress l’organismo produce un ormone, la resistina. Essa favorisce l’aumento di peso e diabete. Gli inglesi lo chiamano "Cums", cioè lo stress leggero ma costante che inquina corpo e mente: l’organismo entra in uno stato di infiammazione cronica che impedisce la perdita di peso. Sotto stress, poi, si alzano i livelli di cortisolo, l’ormone che viene prodotto in situazioni di emergenza e che ha un effetto antinfiammatorio.

Ma se lo stress è continuo e prolungato nel tempo, l’organismo inizia a produrre resistina che non avrà più effetto sull’azione del cortisolo. Questa situazione di squilibrio provoca gonfiore e accumulo di grasso. La resistina infatti altera l’equilibrio dell’insulina, impedisce di trasformare il glucosio in energia e immagazzina il glucosio come grasso in eccesso. L’organismo in tutta risposta, trovandosi in disequilibrio, produce ancora più insulina, scatenando l’appetito e favorendo la comparsa del diabete.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dieta: lo stress non aiuta a perdere peso a prescindere da ciò che mangiamo

Today è in caricamento