rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Netflix

La storia vera di Richard Gadd (e la sua stalker) che ha ispirato la serie Netflix Baby Reindeer

Chi è il comico e attore scozzese Richard Gadd la cui esperienza come vittima di una stalker ha dato vita a alla serie Netflix Baby Reindeer

Su Netflix è arrivata, a partire dall'11 aprile 2024, una miniserie thriller ispirata a una storia vera che in pochissimo tempo ha già scalato la top 10 della piattaforma di streaming posizionandosi tra le serie più viste del momento. Si intitola baby Reindeer ed è una serie di 7 episodi ispirata al one-man show dell'attore scozzese Richard Gadd a sua volta tratto da una storia di stalking vissuta in prima persona da Gadd. Oltre a essere un attore e comico, Richard Gadd è anche sceneggiatore di alcune delle serie più famose di Netflix da Sex Education dove ha scritto alcuni episodi a Outlander. Ora Gadd è sceneggiatore e protagonista della miniserie Baby Reindeer dove ha portato, senza filtri, la sua storia affrontando temi delicatissimi come il disagio psicologico, i traumi delati a violenza sessuale e stalking, l'identità di genere e molto altro ancora. Ma entriamo più nel dettaglio per scoprire chi è Richard Gadd e qual è la storia vera dietro la serie Baby Reindeer. 

Baby Reindeer: la trama

Tratta dal premiato one man show che ha fatto furore al Fringe Festival di Edimburgo, Baby Reindeer segue la strana relazione tra il comico fallito Donny Dunn (Richard Gadd) e la sua stalker, mostrando l'impatto che ha su di lui quando deve affrontare traumi da tempo dimenticati. Questa avvincente storia vera dall'umorismo nero ha tra gli altri interpreti Jessica Gunning nel ruolo di Martha, Nava Mau (Teri) e Tom Goodman-Hill (Darrien).

Baby Reindeer: la recensione

Chi è Richard Gadd: dal teatro alla tv fino all'esperienza come vittima di stalking

Richard Gadd è uno scrittore, attore e comico scozzese di 34 anni che è attualmente su Netflix con la serie tv Baby Reindeer ispirata al suo ominimo one-man show del 2019, spettacolo teatrale per il quale ha vinto numerosi premi dallo Scotsman Fringe First Award per la sceneggiatura dello show allo Stage Award per l'eccellenza nella recitazione. Questo spettacolo ha ottenuto anche l'Off West End Theatre Award e un Olivier Award. Un successo incredibile bloccato solo dal Covid e poi tornato in auge con la realizzazione della serie Netflix ispirata alla storia di violenza e stalking vissuta in prima persona da Richard Gadd. 

Oltre a essere un grande autore e attore teatrale, Gadd è anche attore per il piccolo schermo. È stato protagonista, infatti, insieme a Daniel Mays del dramma Against the Law della BBC2 nominato anche ai BAFTA e tra gli altri ruoli in tv ricordiamo quello in Clique della BBC3, One Normal Night di Sky Arts, Code 404 di Sky One e Tripped di E4

Richard Gadd è stato anche sceneggiatore di alcuni episodi di Sex Education di Netflix e altre serie tv come Ultimate Worrier per cui ha scritto diversi episodi e The Last Leg. 

La sua brutta esperienza come vittima di stalking da parte di una fan lo ha portato a diventare ambasciatore di We Are Survivors, un'organizzazione benefica britannica che aiuta i sopravvissuti agli abusi sessuali.

Richard Gadd, la storia vera della stalker dietro la serie Netflix Baby Reindeer

Richard Gadd ha conosciuto la sua stalker a cui ha dato il nome di "Martha" per la prima volta quando lavorava in un pub. L'incontro è avvenuto per un mero atto di gentilezza dell'attore che, avendo visto la donna in difficoltà economica le ha offerto una tazza di tè ma quella fu la porta di ingresso per l'inferno. Lei, infatti, diventò ossessionata da lui e per tre anni gli ha invitato oltre 41mila mail, 350 ore di vocali, 744 post su X, 46 messaggi su Messenger e 106 pagine di lettere rivolte a lui. Questa donna lo ha seguito in tutti i suoi spettacoli ma lo ha pedinato anche a casa sua molteplici volte. Il suo comportamento non è mai stato punito perché ritenuto non minaccioso fisicamente ma dal punto di vista psicologico è stato letale per Richard Gadd rendendo la sua vita invalidante. 

Solo dopo due anni e mezzo Gadd è riuscito a ottenere un ordine restrittivo contro la donna che, durante quel periodo aveva iniziato a molestare anche la sua famiglia e i suoi amici. 

"Quando ero perseguitato vedevo una persona che non stava bene, che aveva bisogno di aiuto. Lo stalking è una malattia mentale che deriva da dipendenza da fantasie, dall'idea che una sola persona possa essere la risposta ai propri problemi" ha dichiarato Richard Gadd che, per la sua stalker, ha sempre provato una sorta di compassione.

"Martha fa cose cattive nello show, ma voglio pensare che a volte tutto provenga da quella ferita".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La storia vera di Richard Gadd (e la sua stalker) che ha ispirato la serie Netflix Baby Reindeer

Today è in caricamento