rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
L'analisi della puntata

House of the Dragon, il riassunto dell'episodio 5 (e le differenze con il libro)

Cosa è successo nella puntata "We light the way", con cui si chiude la prima metà della prima stagione

Lunedì 19 settembre, dalle 3 di notte on demand e alle 22.25 su Sky Atlantic (dopo le puntate precedenti in italiano), è uscito We light the way (tradotto in italiano "noi illuminiamo la via"), quinto episodio su dieci della prima stagione di House of The Dragon, la serie tv - è ancora il caso di dirlo? - prequel e spinoff di Game of Thrones.

Il riassunto della prima puntata di HotD

Il riassunto della seconda puntata di HotD

Il riassunto della terza puntata di HotD

Il riassunto della quarta puntata di HotD

Con il giro di boa di questa prima stagione, House of the Dragon si può dire essere arrivata al dunque, o subito prima. In particolare, la quinta puntata è l'ultima in cui Rhaenyra e Alicent sono state interpretate rispettivamente da Milly Alcock ed Emily Carey, perché nel prossimo episodio ci sarà un notevole salto temporale.

Prima di arrivarci, però, può essere utile un riassunto, o recap come dicono gli anglofoni, di questo quarto episodio, che è stato soprannominato "Un matrimonio e due funerali", "Le nozze verdi" o "Assassinio sulla pista da ballo" dai commentatori americani.

Ovviamente, proseguite solo se avete già visto l'episodio o se non temete spoiler, e preparatevi anche a diverse sorprese per come la serie tv si è allontanata dalla trama del libro Fuoco e Sangue, da cui è tratta, con il benestare implicito dell'autore George RR Martin. 

house of dragon foto sky 9-2

Il riassunto di "Illuminiamo la via"

Ricordate la "cagna di bronzo"? Era il modo in cui Daemon descriveva la sua non amatissima moglie, a cui diceva di preferire pure le pecore. Bene, all'inizio della puntata la vediamo cavalcare nella sua Valle, e lady Rhea Rhoyce ci sembra subito tutt'altro che disprezzabile (se vi sembra di averla già vista, è perché Rachel Redford ha partecipato anche alla serie Netflix Tenebre e ossa).

Lady Rhea si ferma un attimo a parlare con il cugino Gerold, che si offre di accompoagnarla nella sua caccia al cervo, ma lei rifiuta e prosegue da sola, finendo per imbattersi in Daemon Targaryen, in teoria suo marito.

In poche parole (di lei) scopriamo che: lei sa che lui la paragona alle pecore; che il loro matrimonio non è stato consumato; che è più facile che accondiscendano le succitate pecore di lei a concedersi sessualmente a lui; che lei lo disprezza e lo deride anche per essere stato scacciato dal re per favorire una bambina. 

In tutto ciò Daemon, che si è presentato con un cappuccio in testa stile Anakin Skywalker di Star Wars, incassa senza dire granché, poi però lei capisce il motivo della visita del marito e non fa in tempo a tirare fuori l'arco per difendersi che lui fa imbizzarrire il cavallo che le crolla addosso paralizzandola, poi fa per andarsene ma all'ennesimo insulto di lei - "lo sapevo che non sei in grado di finire" (altra allusione sessuale?) - lui prende un pietrone e va a ucciderla.

Per fortuna non vediamo niente - chissà perché le uccisioni di Daemon non vengono mai mostrate sullo schermo... - ma eccoci a un'altra scena nauseabonda, con re Viserys che soffre (anche) il mal di mare, mentre va con la figlia Rhaenyra e il suo nuovo primo cavaliere Lyonel Strong verso le Driftmark, le Isole di Ferro che diventeranno dei Greyjoy ma che al momento sono il regno di ser Corlys Velaryon.

house of dragon foto sky 12-2

Corlys non ha certo dimenticato lo sgarbo dell'indifferenza del re ai tempi della lotta contro il Nutrigranchi (di cui espone nel castello la maschera con cui il re dei pirati si copriva per non mostrare i segni della malattia "morbo grigio"), e non va ad accogliere il re, che continua a star male anche tornato sulla terraferma, e lascia che ad attenderlo siano prima il figlio Laenor che si allena con la spada insieme a Joffrey Lonmouth detto il "Cavaliere dei baci", e alla figlia Laena (di molto cresciuta rispetto a quando era stata proposta al re stesso, ma ancora una ragazzina) che li invita a entrare.

Tutto questo viaggio - coi draghi non si sarebbe fatto prima? - per formalizzare la proposta di matrimonio di cui il re e la principessa parlavano alla fine del quarto episodio, ovvero quello tra Rhaenyra e Laenor. E mentre i genitori si accordano su un compromesso "nobiliare" - i nipoti eventuali potranno tenere il cognome paterno Velaryon ma una volta ascesi al trono saranno dei Targaryen, così da poter compiere la profezia sul Trono di Spade di cui Viserys ha parlato alla figlia - che ci fa pensare al destino del nuovo re Carlo d'Inghilterra, i figli vanno a conoscersi meglio.

Si fa per dire, visto che sono cugini e, come ricorda Rhaenys a Corlys in separata sede, sono cresciuti insieme. La familiarità non è un problema, ragiona la "regina che non fu mai", il punto è che ci sarà sicuramente una lotta di successione alla morte di Viserys, che coinvolgerà suo malgrado anche Laenor; e poi c'è la questione della "vera natura" di Laenor, anche se il padre è convinto che "gli passerà crescendo".

Di metafora in metafora, mentre passeggiano sulla spiaggia Rhaenyra parla a Laenor della sua preferenza per l'anatra arrosto rispetto all'oca arrosto (esiste l'oca arrosto? Non la vogliamo assaggiare comunque). Il cugino capisce l'antifona e sta al gioco, e in pratica l'accordo è che si sposeranno, faranno uno o due figli e poi i coniugi potranno avere tutte le relazioni aperte che vogliono, in particolare Rhaenyra con ser Criston e Laenor con... Joffrey, e con un bacio tra questi ultimi vengono chiarite le metafore.

Intanto ad Approdo del Re la regina Alicent va a salutare suo padre, che è stato licenziato dal suo incarico di primo cavaliere del re. "Anche per colpa tua" il padre rinfaccia alla figlia, che si dice sicura del giuramento fattole dall'amica Rhaenyra. E il padre in pratica  le spiega che più prima che poi il re morirà, e quando sucederà scoppierà un casino - lo stesso previsto da Rhaenys, ma non ci vuole un genio - perché tutti vorranno Aegon al posto di Rhaenyra, che a quel punto sarà costretta a passare a fil di spada i figli di Alicent, che a quel punto dovrà scegliere se lottare per dare il trono al figlio o implorare la pietà dell'amica. Otto saluta la figlia e se ne va (e qui forse solo noi abbiamo notato che in una scena sale a cavallo col piede destro sul fianco sinistro del cavallo, e poi nella scena dopo il piede è correttamente quello sinistro). 

house of dragon foto sky 11-2

Come se non bastasse questo schiaffo morale del padre, Alicent incontra anche Larys Strong, figlio di Lyonel e fratello di "Spaccaossa" Harwin, che avrà anche una malformazione al piede che lo rende zoppo ma non manca certo di intelligenza acuita da un grande spirito di osservazione. E così, fingendosi seriamente preoccupato per Rhaenyra, chiede ad Alicent se la principessa stia bene visto che ha saputo che il Gran Maestro Mellos le aveva portato personalmente, e su ordine del re, un tè medicinale proprio quella notte in cui era andata in giro con Daemon (e a letto con Criston).

Alicent capisce che era un tè per procurare eventuali aborti, o una sorta di pillola del giorno dopo in tisana, e quindi comprende di essere stata ingannata dall'amica, rovinando anche il proprio padre per lei. È la svolta per Alicent, che passa da brava-e-devota-ragazza-e-moglie-e-regina a una specie di Cersei Lannister prima maniera.

Nel frattempo la missione nuziale del re fa ritorno alla capitale, ma prima assistiamo a una scena straziante quando l'ingenuo ser Criston Cole propone a Rhaenyra di fuggire con lui a Essos, sposarsi, vivere senza pensieri (e senza soldi) ma pieni di amore. La principessa non dà corda a questo sogno romantico (e senza soldi), ma crede di far piacere al suo amante proponendole di restarle vicino appunto come amante, visto l'accordo con Laenor.

"E ti pare che ho infranto il mio voto di castità e ho infangato il mantello bianco che indosso per farti da gigolò per sempre?" risponde in pratica ser Criston, che se ne va sdegnato, a differenza della reazione eccitata che prima aveva avuto Joffrey. Poi la nave arriva al porto, Viserys collassa nuovamente sotto lo sguardo ora gelido di Alicent che subito convoca Criston.

La regina vorrebbe sapere se lui sa qualcosa di un possibile rapporto sessuale tra Rhaenyra e lo zio Daemon, ma siccome lei ci gira intorno e siccome Criston vuole evidentemente sfogarsi, lui finisce per confessare di aver giaciuto con la principessa, chiedendo a una sbigottita regina la "grazia" di essere condannato a morte e non evirato o torturato. Lei, semplicemente, lo lascia andare via. 

house of dragon foto sky 8-2

E insomma, che la festa di matrimonio abbia inizio. Laenor e la madre Rhaenys arrivano direttamente in sella ai rispettivi draghi, accompagnati dalle navi della flotta del Serpente di Mare Corlys, e così i promessi sposi inaugurano quella che dovrebbe essere una settimana di feste, banchetti, tornei e bagordi vari che si concluderanno con un matrimonio con cui il povero Viserys, che si sente sempre più vicino alla morte, spera di lasciare traccia nei libri di storia, a dispetto di quanto dettogli poco prima dall'onesto Lyonel Strong che in pratica gli ha fatto capire che è meglio una vita fortunata di una vita in battaglia. 

Al re si presenta quel simpaticone di Jason Lannister, che in pochi secondi fa anche la battuta sulle "donne che non possono andare in battaglia perché ci mettono troppo a prepararsi" per sottolineare l'assenza della regina. Arrivano anche gli Hightower ma non il disoccupato Otto, e arriva pure Gerold Royce afflitto per la morte della cugina. Ah a proposito arriva anche Daemon, non invitato, ma si fa in fretta ad aggiungere un posto a tavola alla destra del re. 

Chi sarà il primo a far scattare il parapiglia? Questo è ciò che si chiede ogni spettatore in questo momento. Ci prova Gerold, che accusa Daemon di aver ucciso Rhea, ma il fratello del re respinge le accuse e anzi ricorda che gli spetta la proprietà acquisita di Pietra di Runa, ovvero la casa di Gerold, che abbassa le ali (non del drago) e se ne va.

Ci prova Alicent, che entra in sala interrompendo il discorso del marito e attirando l'attenzione di tutti anche per via del suo splendente vestito verde, ovvero il colore della fiamma che gli Hightower usano sulla torre di Vecchia Città quando vogliono dichiarare guerra, come spiega Larys a Harwin. Ma né questo gesto, né quello di allonanarsi dal tavolo del re per andare a salutare lo zio, lord Hightower, che esprime tutta la sua vicinanza alla regina, scompongono più di tanto gli animi, ovviamente a parte quello di Larys.

Poi ci prova anche Daemon, che si butta nella mischia dei balli di gruppo westerosi flirtando prima con Laena e poi con Rhaenyra, che in alto valiriano lo provoca dicendogli "senti, bello, se sei qui per disprezzare il mio futuro marito perché non sguaini la spada, ammazzi le guardie di mio padre e mi porti a Dragonstone prima che mi sposi?". Ma mentre Viserys sta per reagire, tra un malanno e un naso che cola, eccolo il parapiglia tipico di ogni matrimonio di Westeros.

In pratica, poco prima Joffrey era andato da Criston, nel quale aveva esattamente riconosciuto l'amante segreto di Rhaenyra, per porporgli un giuramento incrociato volto a proteggere i loro amati e anche loro stessi. Solo che ser Criston la prende malissimo, e soprattutto prende a pugni in faccia Joffrey nel bel mezzo della sala, con gli invitati che ovviamente vanno un po' nel panico. 

Laenor cerca di difendere l'amato ma ser Cole lo sistema con un paio di cazzotti, Rhaenyra vuole raggiungere il fidanzato ma non ci riesce, ser Lyonel fa cenno al figlio Harwin di salvare la principessa e quello esegue tra pugni e spintoni sollevando di peso Rhaenyra. Quando la folla si dirada capiamo che Criston ha ucciso di cazzotti Joffrey, che fa una fine persino peggiore del suo futuro omonimo Baratheon-Lannister, ma almeno viene pianto dal suo ora-non-più-tanto-segreto-amante Laenor. 

E arriviamo all'epilogo di questo episodio. Con ser Criston che fa per uccidersi nel bosco ma viene interrotto dalla regina Alicent, e con un matrimonio fatto in fretta e furia e senza invitati (altro che una settimana di feste) nella sala dove c'è ancora la pozzanghera di sangue di Joffrey su cui banchetta un topo (fossimo in loro licenzieremmo qualcuno del catering). Laenor piangente e Rhaenyra tutta spettinata si scambiano i voti e sono marito e moglie, e subito dopo re Viserys collassa per l'ultima volta (di questa puntata o di sempre? Lo scopriremo tra una settimana).

Il rapporto tra Alicent e Daemon nel libro di Martin

Come spiegavamo una settimana fa a proposito della verginità di Rhaenyra, il romanzo Fuoco e Sangue di George RR Martin è concepito con diverse (immaginarie) fonti storiche, tra cui il giullare Mushroom e il Septon Eustace. 

E proprio Mushroom sostiene che il disprezzo di Otto Hightower per Daemon Targaryen deriverebbe dal fatto che Daemon avrebbe deflorato la giovanissima Alicent. Nella serie non vi è traccia di questa storia, né - per ragioni di date di nascita cambiate - di quella su Alicent e il precedente Re Jaehaerys. 

house of dragon foto sky 13-2

In che modo Criston Cole uccide Joffrey Lonmouth nel libro

Connessa alla storia della verginità di Rhaenyra, c'è quella della morte di Joffrey. O meglio, come dicevamo la settimana scorsa le fonti non sono concordi su chi amasse chi tra la principessa e la sua guardia, e su chi ci abbia provato con chi, e se lui le abbia fatto la proposta di matrimonio.

Sono concordi, però, come del resto tutti coloro che vi hanno partecipato, che Joffrey "Cavaliere dei Baci" è morto in seguito alle ferite che ser Criston Cole gli ha procurato in un duello durante il torneo per celebrare le nozze tra Rhaenyra e Laenor, quando Criston era già passato dalla parte avversa rispetto a quella della regina. E quando diciamo che è morto in seguito alle ferite, intendiamo che Joffrey è stato tra la vita e la morte per giorni, e non per una manciata di secondi e una gragnuola di pugni.

Il rapporto tra Harwin e Larys Strong

Almeno a noi, è venuto spontaneo un dubbio: ma perché Larys Strong istiga Alicent a odiare Rhaenyra? D'altronde, il padre di Larys è un brav'uomo appena "promosso" dal re.

Nel romanzo, questo disprezzo per Rhaenyra ha a che fare con qualcosa che forse deve ancora succedere, o forse ancora no, tra il fratello Harwin e la principessa, mentre nella serie Rhaenyra ha giusto fatto una battuta su una possibile proposta di matrimonio da parte dei figli di Lyonel. Di più, al momento, non possiamo dire, ma solo perché non lo sappiamo.

La morte di Rhea Rhoyce nel libro

Anche la morte di lady Rhea Rhoyce diverge dalla versione narrata nel libro di Martin. Mentre nella serie tv non ci sono dubbi sull'uccisione per mano e per pietra di Daemon, nel libro la sua morte avviene davvero per un incidente a cavallo. 

In Fuoco e Sangue, anzi, Daemon accorre nella Valle quando sa della notizia, un po' per partecipare alle esequie ma soprattutto per avanzare i diritti di eredità su Pietra di Luna di casa Rhoyce. Non è il caso, almeno adesso, di dirvi come va a finire quella pretesa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

House of the Dragon, il riassunto dell'episodio 5 (e le differenze con il libro)

Today è in caricamento