Domenica, 7 Marzo 2021
il primo senza lo 'sceriffo'

Francesco Totti: "Sarà un Natale diverso senza mio padre"

L'ex numero 10 della Roma ne parla a Verissimo. Il signor Enzo è morto a ottobre a causa del covid

Francesco Totti, foto @Instagram

Francesco Totti a cuore aperto sabato 28 novembre a Verissimo. L'ex numero 10 gialorosso si racconta nel salotto di Silvia Toffanin - una delle migliori amiche di sua moglie Ilary Blasi - e inizia dal ricordo di Diego Armando Maradona: "Lui è ancora qui con noi. Le emozioni che ci ha lasciato sono irripetibili. Avevo un bellissimo rapporto con Diego. Fuori dal terreno di gioco era una persona straordinaria mentre in campo era il calcio, era inimitabile. Neanche alla Playstation si può copiare quello che faceva lui. Lo voglio ricordare così, è come se non fosse mai morto, rimarrà qui sulla terra perché era diverso da tutti gli altri".

Francesco Totti ricorda Maradona: "Il primo a chiamarmi quando ho smesso di giocare"

Totti era molto legato al campione argentino, che gli ha sempre dimostrato grande stima e amicizia: "Quando ho smesso di giocare è stato il primo a chiamarmi per darmi sostegno e per dirmi di stare tranquillo - spiega ancora - È stato un gesto che porterò sempre con me".

Francesco Totti, il primo Natale senza suo padre

Francesco Totti parla anche della sua carriera e della famiglia. È un momento difficile per lui, che il mese scorso ha perso suo padre Enzo, morto a causa del covid. Sarà un Natale particolare per l'ex calciatore, soprattutto per questa enorme mancanza: "Spero di passarlo in famiglia, ma sarà un Natale diverso. Purtroppo non sarà come gli altri perché poco tempo fa ho perso mio padre". 

Il padre di Francesco Totti morto a causa del covid

Il signor Enzo Totti è morto lo scorso 12 ottobre. Lo 'sceriffo' - con questo soprannome lo chiamavano i figli e così era conosciuto a Trigoria e dai tifosi giallorossi - era ricoverato allo Spallanzani di Roma per gravi patologie polmonari e positivo al covid. Aveva 76 anni. Ex impiegato di banca, viveva a Casal Palocco con la moglie Fiorella. A lui Totti ha scritto una lunga ed emozionante lettera, condivisa sui social: "Devo dirti scusa e grazie - si legge in uno stralcio - Scusa per tutte le volte che non ho capito, per tutte le volte che non ti ho detto T.V.B, scusa per gli abbracci mancati, per le parole non dette, per gli sbagli che ho fatto, ma soprattutto grazie perché sei stato un padre e non smetterai mai di esserlo. Senza di te non ce l'avrei mai fatta, anche se non sei più con noi il tuo ricordo è il tuo sorriso non sarà mai dimenticato". 

Covid, Francesco Totti: "Io vittima di polmonite bilaterale, in cura da Zangrillo"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Francesco Totti: "Sarà un Natale diverso senza mio padre"

Today è in caricamento