rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Calcio

Milan campione d'Italia: batte il Sassuolo ed esplode la festa

I rossoneri, a cui sarebbe servito almeno un pareggio al Mapei Stadium di Reggio Emilia, mettono al sicuro i tre punti già al duplice fischio: lo scudetto numero 19 è realtà

La Uefa lo aveva definito l’Italian Day, il giorno delle italiane. E non è un caso che il Milan abbia scelto, o meglio al Milan sia capitato, proprio il 22 maggio come data per tornare a rimpolpare la sua già fornitissima bacheca in cui adesso sarà esposto anche il 19esimo scudetto. Lo stesso giorno che nel 1963 vide i rossoneri alzare a Wembley la prima Coppa Campioni della loro storia, imitati nel 1996 dalla Juventus (che all’Olimpico sconfisse l’Ajax ai rigori laureandosi campione d’Europa per la seconda volta), e nel 2010 dall’Inter che in quella data completò il “triplete” inaugurato con la vittoria nel campionato italiano e la conquista della Coppa Italia.

Sono trascorsi più di cinque anni dalla conquista della settima SuperCoppa Italiana, messa in bacheca battendo la Juventus allo stadio Jassim bin Hamad a Doha, in Qatar. Poi più nulla, fino ad un campionato 2021/2022 in cui Ibrahimovic e soci hanno preso progressivamente coscienza delle loro concrete chance, strada facendo hanno acquisito consapevolezza della loro forza fino a credere fermamente di poter ricoprire il ruolo di credibile anti-Inter, e diventare di lì a poco da inseguitrice ad inseguita.

Il “diavolo”, per conferire note tricolori alle tinte rossonere delle casacche, più che lo zampino ci ha messo la coda. Intesa come parte terminale del torneo, in cui la formazione di Stefano Pioli ha iscritto a bilancio diciotto punti nelle ultime sei partite, arrivando sempre puntuale all’en-plein che ha permesso di mettere la freccia a fine aprile. Ampliando l’analisi del cammino intrapreso per vincere il campionato, sono appena due le sconfitte nel 2022, una a San Siro con lo Spezia e la semifinale di ritorno in Coppa Italia proprio contro l’Inter, poi beffata nella volata scudetto.

Chiaramente, poter usufruire al “Mapei” di due risultati utili per laurearsi Campione d’Italia, ha dato alla squadra rossonera una sicurezza in più, sebbene nelle ultime 55 edizioni per quattro volte l’ultima tornata di incontri abbia fatto materializzare il ribaltone (l’Inter, oltre al 5 maggio del 2002 all’Olimpico, lo perse anche nel 1966-67 a Mantova ed il Milan sei anni dopo a Verona). Ma il rischio di far saltare il ricevimento, con la tavola già precedentemente imbandita, è stato subito spazzato via dal gol di Olivier Giroud su assistenza di Leao, azione copiata ed incollata dopo un quarto d’ora dal calcio d'inizio che ha portato i rossoneri sul 2-0 poco dopo la metà della prima frazione di gara. Addirittura sul 3-0 al momento di guadagnare gli spogliatoi al duplice fischio, grazie al centro numero tre siglato da Kessié.

Troppo poco Sassuolo, quindi, per pensare di poter fermare l’avanzata del Milan. Che nella ripresa si limita a controllare il vantaggio, attendere il fischio dell’arbitro per esultare e cucirsi così sul petto il diciannovesimo scudetto della sua storia. Togliendo, contestualmente, dalle mani dei “cugini” interisti la seconda stella e raggiungendoli a quota 19 nel numero di titoli nazionali vinti. Qualcosa di più di una semplice vittoria, se si considera come i rossoneri non fossero, ad inizio stagione, piazzati tra i principali favoriti nella volata per il tricolore.

Perché l'Inter ha perso lo scudetto

Qualcosa che si ripete, come di solito fa la storia, volgendo lo sguardo all’ultimo successo in A risalente ad undici stagioni fa: Inter e Napoli a completare il podio, in quest’ordine ora come allora, ed il 22 maggio a costituire la data dell’ultimo turno, in quell’occasione però ininfluente ai fini della volata per un primo posto già messo in cassaforte. Ma il passato, in questo momento, serve solo ad insaporire ulteriormente un già succulento presente che ha visto il “Diavolo” risistemarsi sul tetto d’Italia. Pietanza, questa, che da sola è già sufficiente a saziare la fame di vittorie accumulata nell’ultimo lustro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milan campione d'Italia: batte il Sassuolo ed esplode la festa

Today è in caricamento