Domenica, 20 Giugno 2021
Le ultime notizie sulla pandemia

Coronavirus, il bollettino di oggi 11 marzo: 373 morti e 25.673 nuovi casi Covid. Sei regioni verso la zona rossa e le anticipazioni del nuovo decreto

Gli aggiornamenti sull'emergenza coronavirus in Italia nel bollettino del ministero della Salute di oggi giovedì 11 marzo 2021. I nuovi casi, i decessi e i numeri dei ricoveri e dei vaccinati: aggiornamenti in diretta dalle regioni

Il bollettino coronavirus di oggi 11 marzo 2021

Coronavirus, il nuovo bollettino coronavirus del Ministero della Salute di oggi giovedì 11 marzo 2021 registra una impennata di attualmente positivi (+10.276) con 25.673 nuovi casi Covid su 208469 tamponi (10.68%) e 163748 test rapidi (2.06%). 373 i decessi registrati nelle 24 ore, 15.000 le persone che hanno superato l'infezione e sono stati dimessi o giudicati guariti. Sale la pressione negli ospedali dove salgono di 365 unità i posti letto occupati mentre è record di ingressi giornalieri in terapia intensiva: sono 266 i nuovi pazienti che devono fare ricorso alle macchine per restare in vita. 

Quasi tutta Italia rischia la zona rossa anche senza il nuovo Decreto 

Domani uscirà il monitoraggio dell'Iss che porterà all'adozione di nuove ordinanze per delineare i nuovi colori delle regioni e secondo le anticipazioni gran parte del Paese si potrebbe trovare a fronteggiare nuove restrizioni da lunedì ancor prima della stretta che domani sarà discussa dal Consiglio dei ministri e che dovrebbe portare una zona rossa nei weekend in tutta Italia e a una zona gialla rafforzata con misure ad hoc per Pasqua come è stato per Natale. Secondo i dati forniti informalmente alle regioni potrebbero entrare in zona rossa anche il Lazio (oggi 1800 nuovi casi), Friuli Venezia Giulia e Veneto insieme a Piemonte, Emilia Romagna e Lombardia. Quest'ultima è ancora una volta la regione con più contagi e oggi registra quasi 6mila nuovi casi e 81 decessi e oltre 150 ricoveri tra reparti critici e non.

L'ultimo bollettino coronavirus di ieri mercoledì 10 marzo registrava 22.409 nuovi casi su 202558 tamponi (9.75% positivi) e 159118  test rapidi (1.67% positivi). In crescita il numero dei pazienti Covid ricoverati (+489) così come delle persone che devono far accesso alle terapie intensive: sono 2.827 gli italiani in condizioni critiche, 71 più di ieri al netto di 253 nuovi ingressi. 332 i decessi e 13752 i pazienti che hanno superato l'infezione. Lombardia (4mila nuovi casi, 70 decessi e 170 nuovi ricoveri), Campania (3mila nuovi casi, 26 decessi e 27 nuovi ricoveri), Emilia Romagna (2mila nuovi casi, 43 decessi e 70 nuovi ricoveri) e Piemonte (2mila nuovi casi, 29 decessi e oltre 100 ricoveri) le regioni più in difficoltà.

Coronavirus, il bollettino di oggi giovedì 11 marzo 2021

articolo aggiornato alle ore 17:38 clicca qui per aggiornare la pagina 

  • Nuovi casi: 25.673 (ieri 22.409)
  • Casi testati: 128418 (ieri 122676)
  • Tamponi (diagnostici e di controllo): 372.217 (ieri 361.040)
    • molecolari: 208469 di cui 22268 positivi pari al 10.68% (ieri 9.75%)
    • rapidi: 163748 di cui 3381 positivi pari al 2.06% (ieri 1.58%)
  • Attualmente positivi: 497.350, +10276 (ieri 487.074, +8191 )
  • Ricoverati: 23.247, +365 (ieri 22.882, +489 )
  • Ricoverati in Terapia Intensiva: 2.859, +32, 266 nuovi (ieri 2.827, +71, 253 nuovi)
  • Totale casi positivi dall'inizio della pandemia: 3.149.017 (ieri 3.123.368)
  • Deceduti dopo Covid test positivo: 101.184, +373  (ieri 100.811)
  • Totale Dimessi/Guariti: 2.550.483, +15000 (ieri  2.535.483, +13752)
  • Vaccinati: 1.803.693 (6.005.183 dosi somministrate) 
    si tratta del 83.3% delle 5.202.990 dosi consegnate da Pfizer e delle 493.000 consegnate da Moderna al 26 febbraio. La campagna vaccinale dedicata agli over 80 non in Rsa ha coinvolto oltre 1.219.000 i "nonni" che hanno avuto almeno una dose del vaccino Pfizer/Moderna. In distribuzione le prime dosi dei 1.512.000 vaccini AstraZeneca destinati alla fase 3 per le categorie a rischio dai 18 a 55 anni e da ieri approvate anche per l'uso agli over 65: 157mila gli uomini delle forze armate già coinvolti, 497mila tra il personale scolastico. Sul sito del Governo il report aggiornato dei vaccini. Ieri somministrate 193mila dosi (di cui 42mila seconde dosi) rispetto alle 300mila auspicate. Crescono le polemiche per la mancata programmazione: il governatore ligure Giovanni Toti ha ammesso che anche se arrivassero tutti i vaccini come da contratto non sarebbero in grado di somministrarli.

Il bollettino coronavirus oggi 11 marzo 2021 (Pdf)

bollettino coronavirus oggi 11 marzo 2021-5

I focolai di coronavirus: i dati regione per regione

In attesa di conoscere intorno alle 17:00 i numeri del bollettino coronavirus comunicati dal Ministero della Salute, vediamo gli aggiornamenti in diretta dalle singole regioni iniziando dalle situazioni più calde.

Di seguito le zone in area rossa*:

  • Campania: 2981 nuovi casi e 27 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti +13, ricoveri +21. Disposta la chiusura al pubblico di parchi urbani, ville comunali, giardini pubblici, lungomari e piazze tranne che tra le 7:30 e le 8:30. Vietato lo svolgimento di fiere e mercati. Lo stabilisce una nuova ordinanza di De Luca
  • Basilicata: 154 nuovi casi e 3 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti -3, ricoveri +13
  • Molise: 85 nuovi casi e 6 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti -4, ricoveri +6

*Che cosa si può fare in zona rossa.
Gli spostamenti permessi solo per validi motivi dalle 5 alle 22, sempre con autocertificazione. Vietato anche andare i visita dagli amici/parenti. Chiuse anche le scuole materne ed elementari

Di seguito le zone in area arancione**:

  • Piemonte: 2.322 nuovi casi e 42 decessi. Saldo ospedalizzati: ti -1, ricoveri +73. Sospesi i ricoveri no Covid
  • Lombardia: 5849 nuovi casi e 81 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti +28, ricoveri +134. In ospedale stop ai ricoveri ordinari e programmati: garantiti solo gli interventi urgenti e quelli oncologici.
  • Alto Adige: 204 nuovi casi e 1 decesso. Saldo ospedalizzati: Ti -2, ricoveri -9
  • Trentino: --
  • Veneto: 1677 nuovi casi e 22 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti +6, ricoveri +12
  • Friuli Venezia Giulia: 991 nuovi casi e 16 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti -3, ricoveri +8
  • Emilia Romagna: 2845 nuovi casi e 45 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti +12, ricoveri +67. L'allarme della Ausl di Bologna: "Peggio della seconda ondata".  In zona rossa tutti i comuni della Ausl Romagna (Rimini, Forlì-Cesena e Ravenna) così come Bologna e Modena. Arancione rafforzato per Reggio Emilia. 
  • Marche: 921 nuovi casi e 10 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti +15, ricoveri -6. Solo la provincia di Ascoli resta arancio: dopo la provincia di Ancona in  zona rossa anche Macerata, e da domani le province di Pesaro Urbino e Fermo.
  • Umbria: 283 nuovi casi e 4 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti stabili, ricoveri -6
  • Toscana: 1302 nuovi casi e 20 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti stabili, ricoveri +32
  • Abruzzo: 608 nuovi casi e 37 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti +4, ricoveri -8

**Che cosa si può fare in zona arancione.
Gli spostamenti sono permessi dalle 5 alle 22 ma con autocertificazione; sarà vietato uscire dal proprio comune. I bar e ristoranti sono chiusi tutto il giorno, consentito l'asporto. Aperti invece i negozi, i parrucchieri e i centri estetici. Consentito lo sport non di contatto come il tennis

Le zone in area gialla***:

  • Valle d'Aosta: 33 nuovi casi. Saldo ospedalizzati: stabili, 12 i pazienti di cui 2 in Ti
  • Liguria: --
  • Lazio: 1800 nuovi casi e 16 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti -9, ricoveri +12. La regione va verso la zona arancione rafforzato vista una situazione giudicata dalla Regione "in netto peggioramento" 
  • Puglia: 1634 nuovi casi e 17 decessi. Saldo ospedalizzati: +9 -. Saturi i posti letto dedicati ai pazienti Covid nelle province di Bari e Taranto. Il governatore Michele Emiliano chiude le scuole. 
  • Calabria: 414 nuovi casi e 2 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti -3, ricoveri +7
  • Sicilia: 672 nuovi casi e 18 decessi. Saldo ospedalizzati: ti -8, ricoveri -4

***Che cosa si può fare in zona gialla.
Fino al 27 marzo la zona gialla è rinforzata: pertanto restano sospesi gli spostamenti tra le regioni anche dello stesso colore. Possibile muoversi dalle 5 alle 22. Nei bar consentito l'asporto fino alle 18. Ristoranti aperti fino alle 18 poi solo asporto o consegna a domicilio. Sarà possibile frequentare i musei ma non nei festivi. Consentito spostarti in visita a parenti e amici al massimo in due persone più gli under 14 e eventuali disabili a carico.

Le zone in area bianca****:

  • Sardegna: --

****Che cosa si può fare in zona bianca.
Decade il coprifuoco. Le attività di ristorazione avranno la possibilità di apertura serale fino alle 23, i bar fino alle 21. Aperti nei fine settimana anche i centri commerciali. Riaprono musei, teatri, cinema, palestre, piscine e università.

Coronavirus, le ultime notizie

Il governo Draghi prepara nuove regole e restrizioni più dure nelle aree di rischio da discutere nel Consiglio dei ministri in programma domani, mentre sempre venerdì è atteso il nuovo provvedimento del ministro della Salute Roberto Speranza sui cambi di colore: e l'ordinanza di Speranza potrebbe portare buona parte del Nord Italia in zona rossa già da lunedì: secondo gli ultimi dati anticipati in via ufficiosa alle Regioni in vista della modifica al Dpcm si troverebbero in zona rossa il Piemonte (Rt 1,41), Lombardia (Rt 1,28 e incidenza a 312 contagi per 100mila abitanti), Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia (Rt tra 1,25 e 1,5). Un allarme specifico per il Lazio dove desta preccupazione il trend in crescita dei contagi e uno scenario previsto in netto peggioramento: sicuro il passaggio in zona arancione, ma secondo alcune anticipazioni rischia il rosso. Il Ecdc ha posto in rosso scuro per l'alta percentuale di contagi Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Campania e Marche, che si aggiungono a Emilia Romagna e Trentino Alto Adige.  

Sul fronte del vaccini oggi due le notizie contrastanti: l'Ema ha infatti approvato il vaccino anti-Covid a singola dose di Johnson & Johnson, ritenendo il suo impiego efficace e sicuro per tutte le persone al di sopra dei 18 anni: è il quarto approvato dall'Unione europea dopo quelli di Pfizer-BioNTech, Moderna e AstraZeneca. Proprio su quest'ultimo sorgono perplessità dopo che molti paesi europei hanno ritirato un lotto (ABV5300 non distribuito in Italia) e l'Italia ha vietato l'utilizzo del lotto ABV2856 dopo tre casi di trombosi in concomitanza temporale con la somministrazione. Dall'ente europeo del farmaco sono arrivati rassicurazioni: "Le informazioni disponibili finora indicano che il numero di eventi tromboembolici nelle persone vaccinate non è superiore a quello osservato nel resto della popolazione" e il Comitato per la sicurezza dell'Ema ha stabilito che i benefici del vaccino AstraZeneca continuano a superare i suoi rischi e che questo può continuare a essere somministrato mentre sono in corso le indagini su alcuni casi segnalati. Ma indagano i Nas e la Procura di Siracusa ha aperto un'inchiesta sulla morte di Stefano Paternò, 43 anni, residente a Misterbianco (Ct) morto ieri mattina per un arresto cardiaco nella sua abitazione dopo essersi sottoposto alla prima dose di vaccino. Sempre a Catania si registra il decesso di Davide Villa, poliziotto dell'Anticrimine deceduto il 7 marzo, 12 giorni dopo la prima dose di vaccino AstraZeneca. Aveva iniziato a stare male un giorno dopo l'inoculazione peggiorando repentinamente fino al decesso. I medici in ospedale gli hanno diagnosticato una trombosi venosa profonda, poi sfociata in emorragia celebrale. Il quotidiano LiveSicilia ha confrontato il codice del lotto di vaccino somministrato a Stefano e Davide era lo stesso. E la trombosi è una delle possibili reazioni avverse del vaccino. A Napoli Vincenzo Russo, 58enne operatore scolastico in una scuola di Casalnuovo è morto per un malore dopo aver fatto la puntura. Anche in questo caso sono in corso indagini per stabilire eventuali correlazioni. È bene ribadire che per tutti i casi non vi è alcuna certezza sulla correlazione tra vaccino e decessi. Va ricordato infatti che nei giorni scorsi si era parlato di Annamaria Mantile, morta dopo essersi sottoposta alla prima dose: l'autopsia ha escluso qualunque causa legata all'iniezione della prima dose. La donna aveva 62 anni e insegnava inglese all'istituto comprensivo Cesare Pavese di Napoli è morta per un infarto intestinale.

colori regioni oggi 8 marzo 2021-2

La mappa dell'Italia in base alle Ordinanze del Ministro della salute.? Qui le FAQ, relative alle disposizioni settoriali delle quattro aree (area bianca, giallaarea arancionearea rossa).

  • Zona rossa: Campania, Basilicata e Molise.
  • Zona arancione: Lombardia*, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Abruzzo, Emilia Romagna**, Marche***, Piemonte, Umbria, Toscana e le province autonome di Bolzano e Trento.
  • Zona gialla: Liguria, Lazio, Calabria, Puglia, Sicilia e Valle d'Aosta.
  • Zona bianca: Sardegna.

* Lombardia in area arancione rafforzato per decisione della Regione
** Romagna in rosso come Bologna e Modena
*** Solo la provincia di Ascoli da domani sarà arancione, il resto rosso 

Le regole in zona arancione rafforzato o scuro

A differenza della zona arancione regolamentata dal Dpcm, le zone arancione scuro seguono regole decise dalle autorità regionali. Sul fronte scolastico si passa alla quasi totale sospensione dei servizi educativi in presenza (quindi Dad non più solo per medie e superiori) mentre gli spostamenti non essenziali ( lavoro, necessità, salute e rientro al domicilio) vengono vietati anche all'interno del proprio comune con il divieto di andare a trovare parenti e amici nelle abitazioni private.

Qui potete scaricare il modulo di autocertificazione per gli spostamenti 

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il bollettino di oggi 11 marzo: 373 morti e 25.673 nuovi casi Covid. Sei regioni verso la zona rossa e le anticipazioni del nuovo decreto

Today è in caricamento