Mercoledì, 25 Novembre 2020

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sanremo 2020, Paolo Jannacci: "Nell'emozione di essere all'Ariston sento ancora vivo mio padre"

In gara con 'Vorrei parlarti adesso', un brano sul rapporto tra un genitore e suo figlio

Pianista, compositore, figlio d'arte del grande Enzo, Paolo Jannacci ha un'importante e consolidata carriera solista nel mondo del jazz. A Sanremo per la prima volta con una canzone che parla dell'amore di un padre verso la figlia, per lui è un tassello importante del suo percorso artistico, come ha raccontato ai microfoni di Today.

"Questo è un tassello della mia vita artistica, fa parte di un percorso dove non voglio mettere paletti e classificazioni perché la musica se fatta con rispetto è bella tutta, a 360 gradi - ha spiegato - In questo momento la vivo bene così, mi sento bene".

E sulla grande eredità artistica ricevuta da suo padre: "Il rapporto col papà lo vivo nell'emozione generale, nell'essere lì, nel come cantare, camminare, come vestirmi. So che c'è, avevamo un rapporto di scambio molto importante. Lavoravamo insieme su tanti fronti e lo sento ancora vivo".

Si parla di

Video popolari

Sanremo 2020, Paolo Jannacci: "Nell'emozione di essere all'Ariston sento ancora vivo mio padre"

Today è in caricamento